/ Politica

Politica | 12 ottobre 2021, 17:38

Sicurezza urbana, Polizia e decoro: diktat della Lega al Comune: «Serve un cambio di passo»

Ordine del giorno, appoggiato anche dalla direzione politica del partito: «Un dirigente per la Polizia locale, attività di prevenzione e repressione di vandalismo e abbandono dei rifiuti, sgombero del campo nomadi abusivo»

Sicurezza urbana, Polizia e decoro: diktat della Lega al Comune: «Serve un cambio di passo»

Un giro di vite verso tutti gli episodi di inciviltà che la cittadinanza vercellese denuncia in varie forme e modalità. A chiederlo, con un ordine del giorno presentato nel pomeriggio di martedì dal capogruppo della Lega, Romano Lavarino, sono i consiglieri del gruppo con l'appoggio del segretario provinciale Paolo Tiramani e del segretario cittadino Gian Carlo Locarni.

Il documento «impegna il sindaco ad avviare l’iter amministrativo per individuare un dirigente con le caratteristiche professionali idonee affinché la Polizia locale svolga un'adeguata attività preventiva ai fenomeni di degrado urbano che sono ampiamente riportati anche dalla stampa locale e che sono oggetto di quotidiane lamentele da parte degli abitanti del centro cittadino e delle zone periferiche della città; avviare l’iter amministrativo affinché venga sgomberato il campo nomadi che insiste abusivamente su un area demaniale sull’argine del fiume Sesia; far contravvenzionare gli autori dell’abbandono dei rifiuti sulle vie cittadine; far rispettare il Regolamento di Polizia Comunale in tutti i suoi articoli».

Sul tema della sicurezza e del decoro urbano il gruppo della Lega è più volte intervenuto, nel corso delle discussioni avvenute in Consiglio comunale ma, finora, non aveva mai portato un proprio atto in votazione. Un segnale politico di un certo peso, dunque, considerando che viene presentato dal partito di maggioranza relativa e che, finora, la Lega è stato il gruppo più solidamente compatto a sostegno del sindaco Andrea Corsaro e dell'amministrazione comunale.

«Già nel mese di luglio 2019, non appena eletti - si legge in una nota firmata da Tiramani, Locarni e Lavarino - veniva presentato al sindaco un documento dal titolo: “Progetto per la riqualificazione della Polizia locale e riorganizzazione dei servizi”, non ancora attuato. Questo perché, il punto cardine del programma della Lega, sia a livello nazionale che locale, è rendere la città sicura, perché riteniamo che la sicurezza sia un diritto per i cittadini ed è un dovere garantirla. L’osservanza delle regole permette la serena e civile convivenza dei cittadini».

Secondo i firmatari del documento «Vercelli, da qualche anno a questa parte, sta patendo una situazione di degrado, sia sotto il profilo della sicurezza urbana che del decoro cittadino e questo, un partito che si è presentato alla cittadinanza con la volontà di fornire un'adeguata risposta a questi problemi, non può permetterlo. Riteniamo necessario prevenire e reprimere le situazioni di criticità che quotidianamente si manifestano, per esemplificare, dai viali cittadini, percorsi da biciclette e monopattini che attraversano le aree di uso pedonale, ai giardini pubblici che non di rado vengono utilizzati da adolescenti a discapito dei bambini, senza dimenticare i quartieri periferici privi di vigilanza e agli abbandoni dei rifiuti sul ciglio stradale. Per questi motivi è assolutamente necessario e non più derogabile intervenire per superare le situazioni di grave incuria e degrado del territorio e di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana, con particolare attenzione alle esigenze di tutela della tranquillità e del riposo dei residenti».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore