/ Cronaca

Cronaca | 08 ottobre 2021, 09:13

Si intrufolano in pizzeria per rubare: messi in fuga dalla reazione del proprietario

Tentano il colpo usando una chiave bulgara per aprire le serrature

Si intrufolano in pizzeria per rubare: messi in fuga dalla reazione del proprietario

Utilizzando una cosiddetta "chiave bulgara" - considerata l'arma degli scassinatori perché permette di creare una sorta di duplicato temporaneo della chiave originale - avevano messo a segno colpi in alcuni negozi e locali della città.

leggi anche: VERCELLI CITTA': NEGOZI NEL MIRINO DEI LADRI

Alla pizzeria Piedigrotta, però, i delinquenti sono stati messi in fuga dalla reazione di uno dei titolari, il conosciutissimo Robert  Kennedy Tagliafierro che, sorpreso dalla presenza di due sagome scure intente ad armeggiare attorno alla cassa, ha istintivamente reagito, costringendo i malviventi alla fuga.

A raccontare l'accaduto, con un commentatissimo intervento sui social, è Massimo, il fratello di Robert.

«Erano circa le 4, quando mio fratello, ha sentito un leggero rumore, provenire dalla porta - scrive in un post -: mio fratello, finito il lavoro, si prepara da mangiare con calma, si piazza davanti al televisore, nella sala laterale e sta lì, fino alle prime luci dell'alba. Proprio per il fatto di essere in un'altra sala, non è stato notato dai furfanti. E così, una volta udito il rumore della serratura, si è alzato per andare verso l'entrata della pizzeria, giusto per capire cosa stesse succedendo. Il locale era completamente al buio e mai si sarebbe aspettato di vedere due sagome scure maneggiare con la cassa. A quel punto, gli è uscita un'esclamazione di sorpresa e i due ladri, con uno scatto felino, si sono dileguati verso l'uscita in un battibaleno. Non avendo nulla a portata di mano da tirare loro dietro, è riuscito solo a far partire insulti in dialetto campano».

Una reazione coraggiosa e dettata, ovviamente, dalla sorpresa di trovare dei ladri in un locale situato in pieno centro città, addirittura all'interno della Ztl, in una delle zona più scomode per darsi alla fuga e maggiormente sorvegliate. «Il suo intervento, è stato coraggioso, anche perché ha affrontato i due pur non avendo idea delle loro reazioni - conclude Massimo Tagliafierro -. Sfortunatamente, non tutti i locali "visitati" dai ladri, potevano vantare un "vigilantes", come Robert Kennedy e a loro, purtroppo, è andata meno bene».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore