/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 25 settembre 2021, 17:16

Scienza: “Tre gare in sette giorni: pensiamo solo a questo»

«Domani c'è il Trento, che sta facendo bene, poi mercoledì si scende di nuovo in campo: meglio non pensare alla testa della classifica

Mister Scienza

Mister Scienza

Quattro partite, quattro vittorie, Pro Vercelli lanciatissima, dunque. Ma mister Scienza frena i facili entusiasmi. È ancora presto per fare previsioni. Dice: «Al primo posto in classifica non ci dobbiamo pensare. Adesso concentriamoci sulla partita con il Trento e sulle tre partite che dovremo giocare in una settimana. Dopodiché capiremo qualcosa di più.»

Vuole che la squadra migliori, cresca.

«Abbiamo modificato l'assetto tattico, e non è stato facile. Adesso dobbiamo migliorare, curare tanti particolari. Per quanto riguarda il gioco, vorrei che si cercassero maggiormente le fasce, dove abbiamo giocatori di qualità. E soprattutto voglio un ritmo di gioco più alto.»

Sulla gara di domani. La prima delle tre in sette giorni.

«Ci sarà qualche variazione, almeno un paio, certo, come ce ne saranno nelle prossime due gare.»

Sul Trento.

«È una neopromossa che sta facendo bene. Subiscono poco, davanti sono pericolosi e hanno un gran bravo allenatore, amico mio. Sarà, come sempre, un avversario non facile, ma noi ci siamo preparati benissimo.»

Sulla squalifica, che lo costringerà a seguire la gara da... molto lontano.

«Ingiustizia è stata fatta. Dovrò smetterla di dire “zio caio”, come si usa dire dalle mia parti, a va bene, ma qualcuno ha dischiarato il falso dicendo che, nella gara in cui ero squalificato, ho comunque dato indicazioni alla squadra. Come avrei potuto? Ero distante cento metri dal campo. E pensare che ho ricevuto i complimenti delle terne arbitrali, per il mio comportamento. Siffrirò da lontano, ma ripeto: ingiustizia è stata fata.

Contro il Trento due soli forfait: Gatto e Secondo.

rb

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore