/ Attualità

Attualità | 14 settembre 2021, 20:18

Revoca della concessione a Comuni Riuniti: cambia il gestore per il servizio idrico di 16 Comuni

Nel vercellese Asm subentra ad Alice Castello, Borgo d'Ale e Moncrivello e Sii a Ghislarengo, Lenta, Netro, Albano, Crova, Quinto e Salasco

Revoca della concessione a Comuni Riuniti: cambia il gestore per il servizio idrico di 16 Comuni

Cambio di gestore per il servizio idrico integrato in diversi Comuni del vercellese e del biellese dopo la decisione di Ato2 di revocare la concessione a Comuni Riuniti. Una decisione che la società aveva impugnato davanti al Tar senza però ottenere la sospensiva richiesta.

I paesi che avevano Comuni Riuniti come gestore si troveranno così a breve a ricevere le bollette e a far riferimento per guasti o disservizi a nuove società: in particolare ASM Vercelli S.p.A. subentra nei Comuni di Alice Castello, Borgo d’Ale e Moncrivello; Cordar S.p.A. Biella Servizi per i Comuni di Bioglio, Callabiana, Mezzana Mortigliengo, Dorzano, Cavaglià; S.I.I. S.p.A. per i Comuni di Ghislarengo, Lenta, Netro, Albano, Zubiena, Crova, Quinto, Salasco.

«Si è arrivati a questo passaggio - spiega ai suoi concittadini il sindaco di Alice Castello, Gigi Bondonno, comunicando la novità in vigore da domani - dopo che la società Comuni Riuniti, gestore dal 2003, anno in cui per legge terminò l'epoca del controllo diretto dei singoli Comuni, si è vista revocare la concessione proprio da ATO 2. Gli impianti ovviamente continueranno a restare di proprietà comunale ma varieranno alcune modalità di accesso ai servizi come ad esempio l'indicazione di guasti piuttosto che la stipula di nuovi contratti; in ogni caso comunque per segnalazioni e richieste di intervento su acquedotto e fognature sarà attivo h24 il numero verde 800 709 077».

Le amministrazioni che, in qualità di socie, avevano quote in Comuni Riuniti accompagneranno la società in liquidazione e si sono impegnate anche confrontarsi con i nuovi gestori per garantire un buon servizio e tariffe congrue, escludendo come concordato gravosi rincari.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore