/ Attualità

Attualità | 09 settembre 2021, 16:19

Codacons all'attacco: «Ferrovie: passeggeri ammassati e zero controlli sui Green pass»

Duro comunicato dell'associazione consumatori: «Su 80 posti in carrozza se ne possono usare 64: alla faccia del distanziamento!»

Codacons all'attacco: «Ferrovie: passeggeri ammassati e zero controlli sui Green pass»

«Mentre il Governo finge di tutelare i passeggeri, sui treni gli utenti viaggiano ammassati, in barba alle regole sul distanziamento sociale, e i controlli sul Green pass sono scarsi e, in alcuni casi, inesistenti»: lo afferma il Codacons, che punta il dito sulla sicurezza a bordo dei treni nazionali e locali.

A pochi giorni dalla ripresa dell'attività in molti uffici e in vista dell'inizio dell'anno scolastico, che per il sistema del trasporto pubblico locale rappresenta una sorta di prova del nove, Codacons interviene con un duro comunicato sulla sicurezza dei trasporti. 
«Le società ferroviarie raccomandano, prima di salire sui convogli, il rispetto di alcune regole anti-Covid come l’organizzazione dei flussi in salita e discesa e il distanziamento sociale a bordo – spiega il Codacons – All’interno di alcuni treni però, anche per via dell’aumento della capienza massima all’80%, i passeggeri si ritrovano ammassati, specie nelle fasi di salita e discesa dai convogli, annullando così le regole sul distanziamento».
A corredo, l'associazione dei consumatori ricorda le immagini diffuse in questi giorni da diversi comitati di pendolari: «Su 80 posti per carrozza se ne possono occupare 64, alla faccia del distanziamento - attacca Codacons, che poi rincara la dose - Si registrano pochi controlli sui Green pass dei passeggeri, una situazione che rischia di avere effetti negativi sulla salute pubblica e vanificare gli sforzi fin qui fatti per combattere il Covid».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore