Spettacoli - 03 settembre 2021, 08:38

L'amore, il tabù, il pregiudizio: in scena "Io, mai niente con nessuno avevo fatto”

La Stagione degli Anacoleti riprende con uno spettacolo pluripremiato in scena al Teatro Civico

L'amore, il tabù, il pregiudizio: in scena "Io, mai niente con nessuno avevo fatto”

Dopo una breve pausa estiva, Officina Anacoleti riprende la stagione teatrale venerdì 10 settembre alle 21 al Teatro Civico andrà in scena lo spettacolo “Io, mai niente con nessuno avevo
fatto”, una produzione Teatro Bellini di Napoli.

Sul palco, tre giovanissimi attori della compagnia teatrale siciliana “Vuccirìa Teatro”: Joele Anastasi, nella
triplice veste di attore, drammaturgo e regista, Enrico Sortino e Federica Carruba Toscano.

Inserito nella stagione 2020/2021 “NonTemporanea” di Officina Anacoleti, “Io, mai niente con nessuno
avevo fatto” è uno spettacolo molto acclamato sia in Italia che all’estero e vincitore di importati premi come,
tra gli altri, il “Best Show” al San Diego International Fringe Festival, Miglior Spettacolo, Drammaturgia e
Attore al Roma Fringe Festival e Premio della Critica al Festival Direction Under 30.

Uno spettacolo sull’amore, sul tabù, sulla Sicilia, sul giudizio e il pregiudizio, sulla libertà di essere vivi in un
mondo chiuso e spietato.
La storia di due cugini che crescono come fratello e sorella in un piccolo paese della Sicilia di fine anni ’80 e
del loro desiderio di evadere e amare liberamente.
Una storia di ribellione punita da una delle malattie più spietate e deleterie, ma che più di tutto il resto rende
la vita un gioiello di inestimabile valore.
Tre personaggi sul palco che celebrano un inno all’amore e alla vita, alla sopravvivenza.
Al di là della malattia. Al di là del male. Un universo popolare. Uno scenario pieno di brutalità e d'istinto.
Dove nulla è comandato dalla mente ma solo dall'impulso del corpo. Uomini che sono bestie, che sono angeli,
che sono demoni.

«In “Io, mai niente con nessuno avevo fatto” utilizziamo la Sicilia per raccontare il passato. - dice il regista
Joele Anastasi - Come fosse uno sguardo alle origini. E così viene fuori un universo cristallizzato e quasi mitico,
reso mitico proprio da quegli stessi personaggi che urlano il loro disperato bisogno di ritagliarsi un posto
nella (S)toria, di esistere a tutti i costi, di appartenere a sé stessi».

L’appuntamento con Vuccirìa Teatro è venerdì 10 settembre alle ore 21, al Teatro Civico di Vercelli.
I biglietti saranno disponibili in prevendita online sulla piattaforma Vivaticket e acquistabili la sera stessa
dello spettacolo a partire dalle ore 20 presso la biglietteria del Teatro Civico. Biglietti: intero 15 euro, ridotto 10. 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

SU