/ Attualità

Attualità | 23 agosto 2021, 12:11

Cavalcaferrovia di corso Avogadro: via libera all'abbattimento

Chiusa positivamente la conferenza dei servizi. Intanto si lavora per il collegamento provvisorio in via Tavallini

Il cavalcaferrovia da abbattere

Il cavalcaferrovia da abbattere

Si è chiusa subito dopo Ferragosto, con le sole prescrizioni di Rete Ferroviaria Italiana, la conferenza dei servizi convocata dal Comune di Vercelli in vista dell'abbattimento del cavalcaferrovia di corso Avogadro di Quaregna, chiuso al traffico dallo scorso dicembre e prossimo a essere abbattuto.

Comune di Vercelli, Polizia locale, Settore Ambiente e Asm non hanno espresso osservazioni rispetto all'intervento di abbattimento del manufatto, mentre la Direzione Territoriale Produzione Torino di Rfi ha chiesto che, nel progetto esecutivo dell’intervento venga preservata in modo opportuno la linea ferroviaria Vercelli – Casale sottostante. Di fatto viene chiesto all'ente pubblico si descrivere in dettaglio le modalità con cui sarà eseguita la demolizione e le azioni di salvaguardia da porre in atto a protezione dell’infrastruttura ferroviaria, oltre che di conoscere il cronoprogramma dell'intervento.

Superato questo passaggio tecnico, si può passare all'approvazione della fase progettuale dell'intervento di demolizione che, secondo le previsioni di amministratori e tecnici, si dovrebbe concludere entro il prossimo inverno.

Intanto sono in corso i lavori di apertura del collegamento temporaneo tra le vie Tavallini e Chiais (nella zona del Palace Hotel) che consentirà di alleggerire nella zona di via Trino, corso Abbiate e via Massaua, divenute, dopo la chiusura del Cavalcaferrovia il passaggio obbligato per i residenti dell'Aravecchia che devono la raggiungere la zona industriale e il casello autostradale. Sui binari della linea ferroviaria Vercelli - Casale è stato creato un piccolo terrapieno, simile a un dosso, che poi verrà ricoperto per consentire il transito alle auto.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore