Politica - 20 agosto 2021, 10:00

«Afghanistan: contento della mobilitazione dei sindaci»

L'iniziativa partita da Borgosesia di esporre bandiere a mezz'asta in segno di solidarietà è stata seguita da vari Comuni di tutta Italia

«Afghanistan: contento della mobilitazione dei sindaci»

L’iniziativa del sindaco di Borgosesia, Paolo Tiramani, a sostegno delle donne afghane ha avuto grandissimo seguito: diversi primi cittadini italiani hanno deciso di esporre le bandiere a mezz’asta e sono state numerose le testate giornalistiche che hanno trattato la notizia, con interviste a Tiramani e ampi articoli sull’argomento.

«Sono contento dell’ampia eco che ha avuto questa iniziativa – commenta Paolo Tiramani – soprattutto per la mobilitazione dei sindaci, che anche in questa occasione dimostrano la sensibilità verso i problemi concreti della gente. Tutto questo anche grazie alla stampa nazionale, che ha subito colto la portata dell’iniziativa, divulgandola e rendendo possibile questa condivisione a livello amministrativo. In Valsesia le bandiere a mezz’asta sono apparse subito nei comuni di Varallo e Quarona - aggiunge Tiramani - poi sono stato piacevolmente sorpreso nel vedere che anche a Treviso, Vicenza, Ferrara, Cortona si è deciso di seguire questa mia proposta: è un modo per far sentire che gli italiani sono vicini a quel popolo che sta soffrendo, e anche indignati nel ricordo dei nostri soldati che in questi 20 anni hanno perso la vita per un progetto che doveva liberare l’Afghanistan, e che invece oggi lo riconsegna nelle mani dei Talebani».

Il comunicato di Tiramani è stato rilanciato da diverse agenzie di stampa, e tra le testate che hanno approfondito l’iniziativa dedicandole ampio spazio ci sono anche “Il Mattino” di Napoli, “Il fatto quotidiano” e “Open”, il giornale online fondato da Enrico Mentana e tanti altri: «Alcuni si sono detti sorpresi che un sindaco della Lega abbia adottato questa iniziativa – aggiunge Tiramani – in realtà essa è in linea con quanto la Lega ha sempre sostenuto in materia di immigrazione ed accoglienza: siamo aperti ad accogliere chi è in difficoltà, con una politica equilibrata e condivisa a livello europeo; infatti – spiega ancora Tiramani - mi sono rivolto a tutti i sindaci italiani ed europei, auspicando un movimento d’opinione collettivo finalizzato a sostenere le donne afghane e tutti coloro che rischiano la vita a causa del regime che si è insediato a Kabul. Io, come ho detto, nell’ambito di un progetto europeo di accoglienza sono pronto ad accogliere i bisognosi: mi auguro che l’Europa si attivi in tal senso, perché ne va del futuro del mondo intero».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

SU