/ Notizie dal Piemonte

Notizie dal Piemonte | 02 agosto 2021, 15:15

Vaccinata la metà del piemontesi, ma restano problemi di rifornimento

Stecco: «Il sistema che abbiamo messo in campo potrebbe somministrare fino a 70mila dosi al giorno»

Vaccinata la metà del piemontesi, ma restano problemi di rifornimento

Metà della popolazione piemontese ha completato il ciclo di vaccinazione e sono 4,6 milioni le dosi già somministrate. Sono stati presentati questa mattina in Regione, presso la Quarta commissione Sanità, presieduta dal leghista Alessandro Stecco, i dati sulla campagna vaccinale in Piemonte aggiornati allo scorso 26 luglio.

“Numeri estremamente lusinghieri – ha commentato il professor Stecco – dato che metà della popolazione regionale ha già completato il ciclo vaccinale. Sono state somministrate 4,6 milioni di dosi, pari al 95,7% di quelle ricevute: 2,6 milioni rappresentano le prime inoculazioni, mentre le seconde sono 2 milioni. Un risultato che va anche oltre il target fissato dal commissario per l’emergenza Covid, con il 100,94% delle somministrazioni previste. Merito di una capacità di 40mila dosi al giorno, ma solo perché vincolata dalle dosi disponibili: ad oggi, infatti, le potenzialità della Sanità regionale potrebbero raggiungere le 70mila”.

“Per quanto riguarda le fasce d’età – continua il presidente Stecco – l’80,6% degli over60 aderenti alla campagna ha completato il ciclo vaccinale, valore che si attesta sul 79% per gli over50. Ottima anche la risposta degli over16, con il 90% di vaccinati con almeno una dose e il il 66,2% che ha concluso l’intero ciclo. Un risultato ottenuto anche grazie a 418 punti vaccinali, 748 tra pediatri di libera scelta e medici di medicina generale che hanno dato la propria disponibilità a inoculare il vaccino, 56 punti vaccinali aziendali e 502 farmacie”.

“Grande successo anche per la campagna ‘Montagne Covid Free’ – aggiunge il vicepresidente della commissione Sanità, il consigliere del gruppo Lega Salvini Piemonte Andrea Cane – con 226 Comuni coinvolti e 74.952 residenti delle terre alte che hanno già ricevuto una dose o sono stati vaccinati con il monodose Johnson&Johnson. La media è quindi del 70%, con picchi che raggiungono l’87%: al top i borghi montani della provincia di Cuneo e Torino, con l’81%. Più nel dettaglio, i comuni più “covid free” sono quelli di Volpeglino (Al) con una media dell’87% al pari di Prali (To), seguiti da Mandello Vitta (No) con l’86%, Balme (To), Bergolo (Cn) e Azzano d’Asti con l’85% e Quaranti (At) con l’84%”.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore