/ Trino

Trino | 01 agosto 2021, 09:36

Trino, resta chiuso il Bosco della Partecipanza. «Danneggiato l'intero ecosistema»

Ancora impossibile una stima dei danni dopo la tempesta di vento dello scorso 7 luglio

Trino, resta chiuso il Bosco della Partecipanza. «Danneggiato l'intero ecosistema»

A distanza di quasi un mese dalla devastante tempesta d'aria del 7 luglio, resta chiuso il Bosco della Partecipanza di Trino, duramente colpito da venti che hanno soffiato a quasi 100 chilometri l'ora.

leggi anche: IL DISASTRO DELLA PARTECIPANZA

La conta dei danni è ancora in corso così come lo sono le prime attività di ripristino. «E' un danno all'intero ecosistema - dice il sindaco di Trino, Daniele Pane -. Ne capiremo la portata reale solo in autunno, dopo che la caduta della foglie permetterà una valutazione più completa sulla situazione degli alberi».

La supercella temporalesca che ha devastato l'area verde alle porte di Trino, non ha risparmiato neppure la quercia monumentale simbolo dell'area verde e, nel crollo delle piante, sono andati distrutti nidi e sono morti moltissimi piccoli animali che popolano l'ultimo residuo della foresta planiziale che un tempo si estendeva sulla Pianura Padana.

«Mi auguro un intervento importante da parte della Regione e dell’ente di gestione del Parco - aggiunge Pane -: ci vorranno anni per riparare i danni patiti dal Bosco il 7 luglio scorso e occorrono piani a lungo termine per ripristinare tutta l'area».

Per ora i taglialegna hanno iniziato a liberare le strade principali, tornate percorribili, ma sentieri e boscaglia sono ancora off limits, ingombre di tronchi e rami spezzati o parti d'albero pericolanti e dunque non sicure.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore