/ Politica

Politica | 26 luglio 2021, 14:02

Il Drapò del Piemonte nelle mani dei sindaci del territorio - FOTO

Al Teatro Civico la cerimonia di consegna della bandiera simbolo della Regione

Il Drapò del Piemonte nelle mani dei sindaci del territorio - FOTO

Lunedì mattina, in occasione dei 51 anni dall'istituzione della Regione (intesa come entità politico-amministrativa), il Teatro Civico di Vercelli ha ospitato la cerimonia di consegna del Drapò a tutti sindaci della provincia di Vercelli. Il Drapò è la bandiera del Piemonte, emblema della regione, ma anche simbolo di appartenenza e riconoscimento di tradizione e valori.

Sul palco il Presidente del Consiglio Regionale, Stefano Allasia, e i consiglieri segretari Gianluca Gavazza e Michele Mosca che hanno dato il benvenuto agli amministratori locali. Presenti il presidente della Provincia Eraldo Botta, sindaco di Varallo, il sindaco di Vercelli, Andrea Corsaro, numerosi primi cittadini della Provincia, oltre ai consiglieri regionali del territorio, Angelo Dago, Alessando Stecco e Carlo Riva Vercellotti.

«La bandiera è simbolo di vicinanza della Regione nei confronti delle comunità locali, ed è proprio il sindaco ad esserne il custode - ha sottolineato nel suo intervento il presidente del Consiglio Regionale Stefano Allasia - la tradizione municipale del Piemonte ha dato prova, proprio nell'ultimo periodo, di fermezza e solidità».

A fare da sfondo alla cerimonia la proiezione della mostra fotografica “Piemonte cinquant’anni", un video che ha regalato le immagini di mezzo secolo di storia piemontese, a cura dell’agenzia Ansa e il sostegno della Fondazione Crt. Nella proiezione sono stati ricordati i cinquant’anni della Regione Piemonte, che si sarebbero dovuti celebrare nel 2020.

«Un momento – hanno ricordato Dago e Stecco – che si sarebbe dovuto tenere l’anno scorso, ma che è stato rimandato a causa dell’emergenza Covid. Un rinvio che idealmente sottolinea ancora di più il ringraziamento di tutto il Piemonte ai nostri sindaci, capaci di tenere la barra dritta anche nella tempesta della pandemia e di confermarsi insostituibile punto di riferimento per le loro comunità. Il Drapò diventa così la bandiera intorno alla quale fare quadrato come fecero i nostri avi in momenti drammatici e gloriosi come la battaglia dell’Assietta. Un vessillo che deve guidare, partendo proprio dai nostri municipi, la ripresa dopo la catastrofe del Covid, per il benessere e il futuro dei nostri territori».

«La Regione è stata presente come non mai nelle risposte ai territori proprio in questo periodo difficile, prestando attenzione ai sindaci, che sono in contatto immediato con la cittadinanza - ha aggiunto Corsaro - siamo grati di ricevere la bandiera e la onoreremo nel miglior modo possibile».

I maestri Loris Gallo e Valerio Chiovarelli hanno anche eseguito alcuni brani musicali della tradizione piemontese, tra i quali la canzone tradizionale vercellese "Giobi di Capusin".

Questa sera, la facciata della basilica di Sant'Andrea sarà illuminata con l’immagine del Drapò, a partire dalle 21,30 per circa un'ora.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore