/ Politica

Politica | 09 giugno 2021, 07:00

Entro 9 mesi il cavacaferrovia di corso Avogadro sarà abbattuto

Simion: «Abbiamo continuato a lavorare alla ricerca dei fondi, all'assegnazione del progetto e al ripristino della viabilità a raso»

Entro 9 mesi il cavacaferrovia di corso Avogadro sarà abbattuto

"Cavalcavia di corso Avogdro. Sarà demolito entro il prossimo inverno".

E' un impegno di non poco conto - visti i tempi lunghi e gli imprevisti che da sempre caratterizzano i lavori pubblici in Italia - quello preso dal sindaco Andrea Corsaro e dal vice Massimo Simion. A ufficializzare un orizzonte temporale entro il quale si metterà la parola fine all'esistenza del ponte di corso Avogadro di Quaregna è una foto, diffusa lunedì pomeriggio, dal vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici.

Davanti alle reti che, dallo scorso dicembre, bloccano l'accesso alla struttura viaria, Simion mostra il cartello con l'impegno a demolire il cavalcaferrovia entro il prossimo intervo e il sindaco la determina con la quale, lo scorso maggio, si è dato incarico a un professionista di predisporre il progetto reltivo alla sicurezza della zona. A progetto depositato sarà possibile accedere ai fondi occorrenti per l'abbattimento del manufatto che, da alcuni anni, era un "osservato speciale" a causa di infiltrazioni e danni da acqua e usura. Lo scorso dicembre un'ultima relazione tecnica aveva portato alla decisione di interdure completamente il transito e chiudere definitivamente la struttura.

«Il lavoro per l'abbattimento del cavalcaferrovia prosegue ogni giorni e non si è mai fermato fin da quando è stato chiaro che questa era l'unica soluzione percorribile - spiega il vice sindaco -. E ovvio che ci sono dei tempi da rispettare: assegnare l'incarico di progettazione, ottenere i fondi, assegnare i lavori e vederli completati. Prevedibilmente entro metà luglio il progetto sarà pronto e da quel momento si darà il via al finanziamento e all'assegnazione dei lavori».

Intanto, assicura Simion, non si sono mai fermate nemmeno le trattative con le ferrovie per ottenere il permesso di aprire un passaggio a raso che consenta l'accesso diretto da via Trino alla zona dell'Aravecchia.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore