/ Sport

Sport | 29 maggio 2021, 13:30

PFV: successo grazie a un gran finale

Contro l'Arona Basket (56-52) per la Coppa del Centenario

PFV: successo grazie a un gran finale

Coppa del Centenario F.I.P.

Categoria Serie C femminile – girone A

3a giornata di ritorno –RECUPERO – venerdi 28 maggio ad Arona– Palasport

Arona Basket - Pallacanestro Femminile Vercelli – 52 -56

(parziali 10-17; 29-30; 41-41)

Tabellino PFV: Acciarino 15; Coralluzzo 4; Rey 3; Leone S. 5; Bertelegni; Pollastro 10; Ansu 9; Deangelis 13; Ronca 5; Lobascio; Sarrocco 1; Migliorini 1. – Allenatore Gabriele Bendazzi; assistente: Andrea Congionti.

 

Vince anche ad Arona la PFV, nel recupero della terza giornata di andata della Coppa del Centenario, prevalendo in volata sull’Arona Basket per 52-56, al termine di una partita molto combattuta sino alla fine.

Le vercellesi erano prive di Bassani (impegni di lavoro) e questo si è fatto sentire creando un po’ di difficoltà nell’impostazione del gioco: ma ciò che più di tutto ha inciso sulla prestazione un po’ opaca è stata la serataccia al tiro delle vercellesi (35% da due; 20% da tre e 46% ai liberi) laddove le sole Acciarino (5/6) e Leone (2/3) si sono un po’ salvate dal disastro generale (Ansu 2/12 da due e 19 su 42 da due la squadra).

Comunque le ragazze di Bendazzi hanno risposto bene in modo corale, sopperendo con determinazione e lucidità alle difficoltà che la scarsa percentuale di tiro creava loro. La partenza era positiva per loro (10-17 al 10’) ma la non buona vena di cui sovra faceva sì che Arona si portasse a -1 a metà gara sul 29-30. Nella ripresa stessa musica, con la PFV che tentava di allungare ed Arona che non mollava impattando a metà gara e mantenendosi sempre a poche lunghezze, spesso a -1, sino alla volata finale. A poco più di 1’ alla fine le ragazze PFV erano però molto brave a mantenere il sangue freddo e con molta sagacia tattica mettevano a segno quei punti (due su tiri liberi) che invece le avversarie fallivano (0 su 2 ali liberi e 0 su tre dal campo), facendosi assalire quasi tutte (coach compreso) da un insano quanto ingiustificato nervosismo che, a conti fatti, le ha penalizzate proprio in dirittura di arrivo.

Finiva 52-56 a favore della PFV che, al di là del leggero scarto finale, si è meritata pienamente il successo, riuscendo a mantenersi per tutto l’ultimo quarto avanti, magari solo di un punto ma sempre avanti, senza mai lasciarsi riagguantare, con grande lucidità e maturità.

Ora la PFV guida a punteggio pieno il suo girone, con 8 punti su 8, e si candida seriamente per le finali a quattro con accesso diretto, in attesa delle ultime due partite casalinghe del 2/6 con Novara e del 5/6, alla palestra Bertinetti, perdurando l’indisponibilità del Palapiacco.

Claudio Roselli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore