/ Cronaca

Cronaca | 20 maggio 2021, 19:16

Incendiò casa simulando un reato: vercellese in manette

Un uomo di 67 anni arrestato dalla Pofer di Genova che aveva riconosciuto la sua foto come ricercato

foto d'archivio

foto d'archivio

Nel 2011 aveva incendiato l'abitazione che gli era stata assegnata dall'Atc, facendo passare poi l'accaduto come opera di altri. Una volta scoperto e finito a processo aveva rimediato una condanna a un anno e 10 mesi per incendio doloso e simulazione di reato ma intanto lui, un vercellese di 67 anni, aveva fatto perdere le proprie tracce.

Fino a qualche giorno fa quando la Polfer di Genova Brignole lo ha arrestato all'interno della stazione ferroviaria di Recco dove l’uomo, la cui fotografia era stata diramata dalla Questura di Vercelli dopo la condanna del giudice, è stato riconosciuto da un agente libero dal servizio che lo ha pedinato senza mai perderlo di vista, attendendo l’arrivo dei colleghi, con i quali ha poi fermato l’uomo e, accertata la sua identità, lo ha arrestato.

L'indagine condotta nel 2011 dalla Squadra Mobile della Questura di Vercelli aveva portato a identificare il vercellese come autore dell'incendio appiccato all’interno dell’appartamento Atc che gli era stato assegnato e, per lo stesso episodio, il 67enne era poi stato riconosciuto colpevole anche di simulazione di reato. Condanna confermata in Appello dalla Corte di Torino e poi divenuta definitiva: ora il vercellese la sconterà nel carcere di Marassi.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore