/ Trino

Trino | 04 aprile 2021, 11:08

Trino in lutto per Paolo Filippi, direttore della Rsa: aveva 58 anni. Il sindaco Pane: «Addio a un uomo di grande valore»

Stroncato da un malore improvviso la mattina di Pasqua. Era stato consigliere comunale di Casale e presidente della Provincia di Alessandria

Trino e il mondo politico alessandrino sono in lutto per l'improvvisa morte di Paolo Filippi, 58enne direttore della Rsa Sant'Antonio Abate ed ex presidente della Provincia di Alessandria. Un infarto improvviso non gli ha lasciato scampo.

Laureato in Giurisprudenza, Filippi era cresciuto nella Democrazia Cristiana: tra i primi incarichi pubblici era stato consigliere comunale e poi assessore a Casale Monferrato e, dal 2004, a presidente della Provincia di Alessandria alla guida di una coalizione di centro sinistra. Dal settembre 2019 era entrato in Italia Viva lasciando.

Persona apprezzata e corretta, Filippi era apprezzato a Trino per il lavoro svolto all'interno della Rsa, un ruolo molto delicato soprattutto in quest'ultimo anno, come ricorda il sindaco della cittadina, Daniele Pane. «Ho conosciuto Paolo, quando sono diventato sindaco e lui era il direttore della nostra Rsa. Abbiamo lavorato assieme molto bene, un uomo capace, preparato... uno che non si tirava mai indietro in nulla. Durante la pandemia i nostri contatti e la nostra conoscenza si è, nel paradosso, ancora più rinsaldata. Siamo entrati in un livello di confidenza maggiore, quotidiano, di amicizia. Condividevamo, oltre le “grane” dell’Ipab due passioni: la politica e il Milan, due cose che ci hanno unito e che mi hanno permesso di conoscerti meglio. Un abbraccio alla famiglia e agli amici. Che la terra ti sia lieve Paolo, vecchio cuore Rossonero».

Un dolore sincero che Pane esprime anche a nome «dell'intero consiglio comunale di Trino, partecipando con cordoglio al lutto della famiglia e di chi gli ha voluto bene. Paolo - aggiunge il sindaco - è stato un uomo d’altri tempi: grande senso del lavoro e delle istituzioni, e grazie alla sua grande esperienza ha gestito la nostra Rsa in un periodo difficilissimo come quello che stiamo vivendo, con capacità e dedizione unica, mettendo al primo posto la salute e l’incolumità degli ospiti e dei lavoratori, districandosi nella difficile situazione economica. Che la terra ti sia lieve Paolo, sarà complicato trovare una persona e un direttore alla sua altezza».

Una nota di cordoglio arriva dal consiglio di amministrazione del Sant'Antonio Abate: «Siamo rimasti sconcertati nell’apprendere una così triste notizia - dichiarano il presidente Maurizio Chiocchetti, il vicepresidente Maria Correzzola e i consiglieri Gianni Casula, Gianni Gennaro e Paolo Guttardi, anche a nome di tutto il personale della struttura. Piangiamo - aggiungono - un amministratore capace ed esperto, che in questi lunghi mesi ha saputo fronteggiare con indubbia competenza e impagabile dedizione le difficoltà che la nostra azienda ha dovuto affrontare a causa della pandemia».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore