/ Politica

Politica | 02 aprile 2021, 09:17

Al cimitero dei Cappuccini un'area per seppellire i “non nati”

Accordo tra il Comune e l'Associazione "Difendere la vita con Maria" che dal 2019 già svolge il servizio di raccolta degli embrioni abortiti per conto dell'Asl

Al cimitero dei Cappuccini un'area per seppellire i “non nati”

Uno spazio all'interno del cimitero dei Cappuccini per dare sepoltura ai "non nati": gli embrioni abortiti per motivi naturali o per scelta nelle strutture sanitarie dell'Asl Vercelli. 

Dopo l'accordo siglato nell'ottobre 2019 con l'Asl di Vercelli, l'associazione novarese "Difendere la vita con Maria" sigla ora un protocollo con il Comune che mette a disposizione uno spazio per le inumazioni al cimitero dei Cappuccini. L'associazione presieduta da don Maurizio Gagliardini ha richiesto al Comune di Vercelli di stipulare una convenzione per ottenere la possibilità di dare sepoltura ai prodotti abortivi che, sulla base dell'accordo del 2019, vengono prelevati all’Asl di Vercelli e, nell'ultima riunione, la giunta ha dato il via libera all'accordo.

Sarà l'Associazione a farsi carico di tutti gli aspetti organizzativi di questa iniziativa, della copertura assicurativa dei volontari e dei costi per quanto concerne il materiale, il trasporto e il seppellimento degli embrioni sulla base della convenzione con l’Asl di Vercelli con la quale tale ultima ha autorizzato l'Associazione al ritiro periodico, trasporto e seppellimento dei prodotti abortivi nel rispetto della vigente normativa in materia. Il Comune, dal canto suo, mette a disposizione un'area del cimitero identificata con il "Campo dei bambini mai nati" che l'Associazione "Difendere la vita con Maria" potrà utilizzare a titolo gratuito. Le inumazioni verranno eseguite con cadenza quindicinale in giorni da concordarsi di volta in volta con il Comune di Vercelli, e negli orari più adeguati nel rispetto dell'ordinario servizio cimiteriale, previo rilascio delle autorizzazioni di legge al trasporto ed al seppellimento da parte dell'Asl. Ogni inumazione verrà annotata su apposito registro e l'eventuale posa di targhe o cippi commemorativi dovrà essere concordata con il Comune.

 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore