/ Politica

Politica | 31 marzo 2021, 19:16

«I sanitari no-vax? Pericolosi per sé e i per pazienti. Ma sull'obbligo decide il Governo»

L'assessore Icardi risponde al question time di Carlo Riva Vercellotti

«I sanitari no-vax? Pericolosi per sé e i per pazienti. Ma sull'obbligo decide il Governo»

L’obbligo di vaccinazione per il personale medico-sanitario è stato oggetto, questo pomeriggio, del question time che il consigliere di Forza Italia, Carlo Riva Vercellotti ha posto all’assessore alla Sanità Luigi Icardi.

Secondo i dati forniti dal Dirmei al 23 marzo 2020, poco meno di 325.000 dosi di vaccino contro il Covid sono state utilizzate per il personale sanitario in Piemonte, creando le condizioni per garantire la continuità nell’erogazione dei servizi sanitari e un ambiente di lavoro sicuro per gli operatori e pazienti. Nonostante la massiccia adesione del comparto medico-sanitario alla campagna di vaccinazione, si sono registrate alcune situazioni di resistenza tra coloro che, per scelta personale, hanno deciso di non sottoporsi alla profilassi.

«Rispetto all’obbligo di vaccinazione - ha puntualizzato attraverso una nota scritta l’assessore alla Sanità Luigi Icardi - è fondamentale un pronunciamento normativo nazionale che possa rendere obbligatorie alcune vaccinazioni o, in alternativa, adibire gli operatori ad altre mansioni in modo da rimuovere il rischio di contagio dei pazienti. Si tratta di un provvedimento fortemente richiesto dalle Regioni e proprio in queste ore è al vaglio del governo. In assenza di previsioni di legge nazionale non si può al momento obbligare nessuno a trattamento sanitario neppure con finalità preventiva, cosi come previsto dall’articolo 32 della nostra Costituzione».

«Il vaccino contro il Covid è doveroso sul piano etico e obbligatorio sul piano deontologico per quelle categorie di professionisti che vivono accanto ai malati e che hanno come missione quella di proteggere i loro pazienti - ha dichiarato il consigliere Carlo Riva Vercellotti - A livello nazionale, risulta che oltre il 90% degli operatori sanitari abbia aderito alla campagna vaccinale. Nonostante l’elevata percentuale di adesioni da parte del comparto medico-sanitario alla campagna di vaccinazione, sono diversi i casi di rinuncia alla profilassi. Tali operatori sanitari continuano però a svolgere regolarmente la propria professione all'interno delle strutture ospedaliere, rappresentando un possibile vettore di contagio per se stessi, i pazienti e l’intera comunità. In caso di contagio, oltre al grave danno arrecato nella guerra contro il covid19, gli operatori in questione risultano essere destinatari dell’indennità di infortunio».

dal nostro corrispondente a Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore