/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 24 marzo 2021, 18:39

Non si sceglie dove si nasce, scegli, se sei fortunato, dove morire.

Da “Cosangeles” di Paride Leporace - Undici racconti scritti come undici capitoli di un unico romanzo

Non si sceglie dove si nasce, scegli, se sei fortunato, dove morire.

Cosenza era la sua città, e lo sarebbe sempre stata. Sì, come quella di Isac Allen nel film “Manhattan”.

Non si sceglie dove si nasce, scegli, se sei fortunato, dove morire. Era questo il pensiero di Ciccio Paradiso mentre guardava la tabella blu con il nome bianco di quelle sette lettere che finivano con la desinenza “enza”. Era appena sceso da un treno che congiunge il raccordo ferroviario principale e in 17 minuti era entrato in una sorte di assurdo non luogo costruito con delle cubature illogiche cui nessun “oi co” in senso di Coreco aveva avuto il coraggio di bloccare.

 

Questo è l’incipit di “Cosangeles”, libro di racconti scritto da Paride Leporace e pubblicato da Pellegrini editore.

 

“Si tratta di undici racconti, scritti come undici capitoli di un unico romanzo, ambientati nella cornice di Cosenza, narrata tra epica di strada e una buona dose di noir” spiega l'autore.

 

“Ma c’è anche – prosegue Leporace - la Roma di Fellini e quella orfana di Pasolini. Lo sfondo è quello degli anni Settanta e Ottanta. Racconto le derive esistenziali, i luoghi e i riti dell'estate sulla Costa tirrenica, i locali da ballo e da sballo, i viaggi, le Spoon river generazionali, i fuorisede romani, i malavitosi come Franco Pino nella parte di se stesso, le feste, i punk , gli hippy, gli ultrà, la voce della radio, i poeti maledetti, i quartieri del centro e della periferia, i cantautori malandrini come Fred Scotti e la 'ndrangheta reggina di Paolo De Stefano vista da vicino, con una colonna sonora che spazia da 'Buonanotte Cosenza' di Claudio Villa ai Joy Division”.

 

I protagonisti dei racconti sono due...

“ Sì. Sono Ciccio Paradiso, mio alter ego, e Jo Pinter, un attore di cinema e teatro off, pubblicitario, commerciante, creatori di locali di tendenza che erano entrati nella leggenda, vitellone rollingstoniano, guidatore di auto sportive per diletto e autore di beffe, biscazziere, cartaro di tarocchi e di cartine, playboy, ristoratore ma soprattutto quello che ha inventato il neologismo Cosangeles in una pausa di un set con Ornella Muti e Paolo Villaggio e che oggi è diventato l’hashtag preferito dai giovani sui social per identificare la loro città.”

 

Un estratto del libro.

Sempre eccitante tornare in una bisca per un giocatore e sognare la vincita e che il tuo capitale si moltiplichi, pensava Jo ficcandosi nell’antro clandestino dove passava le sue lunghe nottate. Borges scrive che il mazzo di carte vuole sostituirsi alla vita. Scricchiola quello nuovo, s’inceppa il vecchio. Il mazziere rimescola le figurine del mondo delle carte da gioco. Ma in quella bisca di Cosangeles pende anche l’adrenalina che possa sempre accadere qualcosa. Una rissa, un omicidio, e a causa della guerra qualcuno indisturbato può tirare da fuori una bomba a mano o lanciare una granata RPG per lacerare carne e vestiti firmati di si piezzi i malacarne.

Jo saluta e raggiunge il tavolo verde del baccarat. Una giocata tostissima, gli astanti sono tutti dei gangster. Jo a loro risulta simpatico. Tutto sommato lo rispettano, ha il loro patentino per fare il croupier di tavoli del genere dove serve sangue freddo per non urtare il nervosismo e l’orgoglio di un branco di cervi che si sfidano a chi è il più tosto di tutti. Stasera al tavolo verde si respira una tensione non solita. La posta in gioco è molto alta. Non c’è puntata minima, ma nessuno degli astanti ad ogni giro non mette mai meno di mezzo milione di lire.

 

Nato a Cerisano (Cosenza) nel 1962, Paride Leporace ha diretto diversi quotidiani. Esperto di cinema, ha guidato la Lucana Film Commission e la Calabria Film Commission. Ha scritto il saggio "Toghe rosso sangue". Oggi vive tra Calabria, Basilicata e Campania. "Cosangeles" è il suo primo libro di racconti.

rb

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore