/ Borgosesia

Borgosesia | 26 febbraio 2021, 15:27

«Code e assembramenti in attesa dell'esame del sangue: l'Asl riorganizzi il servizio»

Borgosesia: il sindaco Paolo Tiramani si fa portavoce delle lamentele dei suoi concittadini

«Code e assembramenti in attesa dell'esame del sangue: l'Asl riorganizzi il servizio»

Troppa gente in attesa nel medesimo spazio per potersi sottoporre all’esame del sangue: accade a Borgosesia e viene segnalato da diversi cittadini, preoccupati dai possibili rischi che tale assembramento potrebbe comportare per la salute.

A farsi portavoce delle richieste di gestire con la massima cura il servizio è il sindaco Paolo Tiramani che, in una nota stampa, chiede all'Asl «di intervenire quanto prima, per regolare le prenotazioni e scongiurare così il rischio di contagi proprio all’interno dell’ospedale, dove la gente deve essere curata e non esposta ad ulteriori rischi. Confido in una soluzione rapida, a tutela della cittadinanza». 

Tiramani precisa di non avere alcun intento polemico: «mi faccio portavoce delle tante lamentele ricevute da parte dei miei cittadini, che mi segnalano che nonostante sia stato istituito un servizio di prenotazioni telefoniche, al mattino si forma una vera e propria calca nell’area dei prelievi, a volte ci sono anche trenta persone in attesa, tutte stipate nello stesso spazio», dice.

Il sindaco, considerato anche che da lunedì il Piemonte sarà in zona arancione a causa della nuova impennata di contagi, si rivolge direttamente all’Asl: «Il contesto generale richiede una grande attenzione, e i servizi sanitari per primi devono agire con il massimo rigore».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore