/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 22 gennaio 2021, 13:50

Modesto: «La Pro Vercelli giocherà per i suoi tifosi»

«Il Novara ha calciatori importanti e grandi stimoli. Noi dovremo giocare con il piglio giusto. Con un Awua in più...»

Francesco Modesto (foto Ivan Benedetto)

Francesco Modesto (foto Ivan Benedetto)

«Il tifo non ci sarà, ormai ci siamo abituati... ma domani giocheremo per i nostri tifosi. Ho parlato con i ragazzi, il Novara ha tanti stimoli ed è da tanto che non vince, ma resta un derby, e quindi voglio vedere una squadra che non molla, che vince i duelli» dice Francesco Modesto, ventiquattr'ore prima di Novara-Pro Vercelli.

«Loro hanno giocatori importanti, di categoria superiore. Hanno una classifica che non rispecchia le aspettative. Noi dovremo essere bravi anche a soffrire, quando sarà il momento. Ma dovremo giocare come sappiamo. Tosti nei duelli e attaccare.»

Mister, questo tipo di gioco, 'alla Gasperini', o 'alla Juric', insomma 'alla Modesto? Trova la sua essenza nelle parole che hai pronunciato: tosti nei duelli e attaccare. È il tuo gioco. Uno contro uno a tutto campo, creare occasioni da gol, sempre. Non è un po' troppo dispendioso da un punto di vista muscolare e anche mentale?

«No, dipende dall'abitudine. Giocare con intensità e con l'uno contro uno aggredendo l'avversario si può, purché venga accettato dai giocatori. Diventa insomma un'abitudine. Ed è un credo calcistico che i ragazzi hanno sposato, fin da questa estate. Non fosse stato così avrei optato per altro.»

La squadra, per esempio contro il Livorno, nel primo tempo aveva giocato molto bene ma non aveva finalizzato. Con la Carrarese, invece, lo stato di grazia degli attaccanti (pensiamo a Zerbin, ma non solo) è stato determinante.

«È normale che chi è davanti abbia alti e bassi. Ci sta. In effetti con il Livorno giocammo bene ma senza segnare. Con la Carrarese è andata meglio, ma tutta la squadra c'era. Correva ai duecento all'ora, giocava per vincere.»

E adesso c'è una pedina importante in più, insomma Awua.

«È stato bravo Casella a portarlo a Vercelli, non è stata una trattativa facile. Lo conosco bene, ha caratteristiche diverse dagli altri attaccanti. Ha dinamismo, cattiveria, insomma sarà un giocatore importante.»

rb

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore