/ Politica

Politica | 18 gennaio 2021, 18:44

«San Germano, sinistra abulica e inerte. Solo i Radicali hanno sfidato l'ex sindaca»

+Europa Vercelli e Associazione Aglietta: «Rosetta è innocente fino a sentenza definitiva. Ma avrebbe dovuto dimettersi dopo la delibera razzista sconfessata dal Tar»

Roswitha Flaibani, +Europa Vercelli

Roswitha Flaibani, +Europa Vercelli

Riceviamo e pubblichiamo.

Noi radicali siamo garantisti senza se e senza ma. Michela Rosetta è innocente fino a sentenza definitiva. Detto questo, non possiamo che apprezzare le sue dimissioni dalla carica di sindaca di San Germano Vercellese, arrivate purtroppo con tre anni e mezzo di ritardo. Era il 9 agosto 2017 quando la Giunta Comunale di San Germano Vercellese emanava la delibera comunale n. 72, dall’inequivocabile e sgrammaticato titolo di: “Tutela del territorio sangermanese dall’invasione/immigrazioni delle popolazioni africane e non solo. Provvedimenti”

La delibera non era farina del sacco della sindaca Rosetta ma era stata predisposta dalla Lega della Lombardia e poi esportata in Piemonte (i leghisti piemontesi, si sa, sono completamente succubi della casa madre lombarda). Un sindaco con un minimo di senso civico si sarebbe accorto di avere prodotto un provvedimento razzista e incostituzionale e avrebbe rassegnato le proprie dimissioni per manifesta incapacità. La signora Rosetta ha continuato, invece, come se nulla fosse, raccogliendo peraltro ben 2.700 preferenze alle elezioni regionali del 2019. E i prefetti che si sono succeduti a Vercelli non hanno avuto nulla da eccepire rispetto alla delibera di cui sopra.

Solo i radicali, sostenuti da pochi altri (uno per tutti, Gabriele Molinari) hanno fatto ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale, che un anno fa, con una sentenza inequivocabile, annullava la delibera comunale. Lo ricordiamo anche ad alcuni esponenti della sinistra dura e pura, che ora attaccano a spada tratta la signora Rosetta ma che abbiamo visto abulici e inerti quando si trattava di contestare con le armi del diritto un provvedimento vergognoso.

La nostra speranza è che tutto quanto successo porti i cittadini di San Germano Vercellese ad eleggere un nuovo sindaco all’altezza del proprio ruolo e non succube delle direttive di partito e dei peggiori istinti xenofobi.

Roswitha Flaibani (+Europa Vercelli), Giulio Manfredi (Associazione Aglietta)

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore