/ Attualità

Attualità | 13 gennaio 2021, 14:50

Scuola, cultura, sport: appello per i bambini e i giovani

I nostri figli porteranno per sempre le cicatrici di quello che stiamo vivendo

Scuola, cultura, sport: appello per i bambini e i giovani

Questo è un nuovo appello rivolto alle istituzioni, dopo quello di settembre per una scuola più umana, e quello di novembre contro le mascherine al banco, che pensa alla condizione drammatica \in cui versano i giovani e chiede:

- riapertura immediata di tutte le scuole;

- rimozione dell'obbligo di mascherina al banco per tutti gli studenti;

- riapertura dei luoghi di cultura;

- riapertura delle attività sportive.

 

E' dura. E' lunga. Le incertezze sono molte. Lo so bene. Alcuni che si sono impegnati nei mesi scorsi hanno mollato e si limitano ad aspettare che le cose vadano avanti in qualche modo. Oppure non aspettano niente e si fanno, per quel che è possibile, gli affari loro. Ma NON POSSIAMO lasciare prevalere lo sconforto e l'abitudine a una vita che per molti aspetti è ingiustificatamente mutilata: per noi stessi – che pure in molti casi abbiamo la forza e le risorse per sopportare – e per i nostri figli – che invece porteranno le cicatrici di quello che stanno vivendo per sempre, e avranno la possibilità di un sano e pieno sviluppo compromessa, soprattutto i meno fortunati e quelli, in vari sensi, meno attrezzati.

 

Se vi riconoscete in questo appello e volete sottoscriverlo, scrivete "sottoscrivo l'appello scuola, cultura, sport - nome, cognome, città, professione (se volete)" all'indirizzo carlocuppini@gmail.com.

Condividetelo con chi credete: formiamo, di nuovo, una massa critica, grande o piccola che sia. Facciamo sentire una voce ferma, una richiesta di rispetto e di dignità.

Domenica spedirò la lettera con le firme raccolte ai destinatari.

 

Ce la faremo: a uscire dal covid e a salvare tutto quello che deve essere protetto e salvato.

L'appello, che sta girando sui social, è dello scrittore e poeta Carlo Cuppini

Per aderire: inviare email a carlocuppini@gmail.com con scritto “sottoscrivo appello scuola cultura sport - nome cognome città professione” (quest’ultima solo se vuole)

Appello:

SCUOLA, CULTURA, SPORT: APPELLO PER I BAMBINI E I GIOVANI

 

 

Presidente della Repubblica

Presidente del Consiglio dei Ministri

Ministro della Pubblica Istruzione

Coordinatore CTS

Presidente della Corte Costituzionale

Autorità Garante per Infanzia e l’Adolescenza

Garanti per l’Infanzia

 

 

 

 

Tra tutte le categorie colpite in vario modo dalla crisi che stiamo attraversando, i minori versano in condizioni drammatiche. Da quasi un anno bambini, adolescenti e ragazzi sono pesantemente limitati in una serie di aspetti – quando non sono completamente privati di essi – di vitale importanza per la loro serenità presente e soprattutto per la possibilità di un sano e pieno sviluppo psico-fisico, sociale e intellettuale. Si tratta dei cittadini più giovani e bisognosi di attenzioni, quelli che la Convenzione di New York definisce “fanciulli”, che hanno il diritto di ricevere la più completa, sollecita e continuativa assistenza e protezione dagli adulti. Diritto a cui corrisponde per gli adulti un dovere inderogabile. La stessa Convenzione, tradotta in Legge dello Stato, afferma:

 

“In tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorità amministrative o degli organi legislativi, l'interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente.” (Art. 3)

 

Vogliamo richiamare la Vostra attenzione su quattro misure che, nel loro prolungarsi o ripetersi, hanno un impatto rovinoso sulla vita di tutte le persone coinvolte, e su quella dei più giovani in particolare. Misure che peraltro non sembrano supportate e giustificate dai dati epidemiologici e dalle conoscenze che abbiamo della malattia covid-19:

 

1) La negazione della scuola come relazione, esperienza e luogo, in senso fisico, per la maggioranza degli studenti delle superiori; ma anche per centinaia di migliaia di bambini e adolescenti delle elementari e delle medie dove i decisori regionali o locali abbiano disposto le chiusure;

 

2) L’obbligo di mascherina al banco, in particolare per gli studenti delle elementari e delle medie, che nega l’espressione del linguaggio emotivo non verbale nella comunicazione con i compagni e gli insegnanti (di alcuni dei quali a mala pena i bambini e ragazzi conoscono i lineamenti);

 

3) La drastica limitazione dello sport e dell’attività fisica attraverso la chiusura di palestre e attività organizzate;

 

4) La chiusura dei luoghi di cultura come cinema, teatri, musei.

 

 

 

SIAMO RESPONSABILI, PRETENDIAMO RESPONSABILITA'

 

Siamo coscienti della gravità e dell’incertezza dell'attuale situazione sanitaria, verso la quale ci sentiamo partecipi e responsabili.

 

Siamo consapevoli del fatto che ognuno deve fare la sua parte, accettando di compiere grossi e prolungati sacrifici e osservando misure di contenimento straordinarie.

 

Vediamo che le misure mancanti di un dimostrabile fondamento razionale e di una sicura necessità basata sulle evidenze colpiscono la società in modo cieco e indiscriminato, soprattutto le categorie più deboli, dando forse corpo a una generica speranza di limitare in qualche modo il contagio, senza tuttavia esprimere una chiara strategia di contenimento e di gestione dell’epidemia.

 

Rigettiamo una politica che scarichi la responsabilità della situazione sanitaria e ospedaliera sui cittadini, bombardandoli di informazioni e di disposizioni spesso contrastanti, ambigue, mutevoli e “creative”, e facendo pagare a loro, attraverso pesantissime e prolungate restrizioni e privazioni, l’assenza, o l’inadeguatezza, o l’intempestività delle iniziative di contenimento e di messa in sicurezza che sarebbero necessarie per garantire lo svolgimento più regolare possibile almeno degli aspetti essenziali della vita.

 

Vogliamo una politica che sappia declinare i concetti di protezione e di sicurezza attraverso il “dare” (servizi, informazioni, opportunità, organizzazione, personale, spazi, dispositivi, strumenti) e non attraverso il “togliere” (restrizioni, divieti, chiusure).

 

Riteniamo che i quattro punti sopra elencati costituiscano una mutilazione indiscutibile, gravissima e inaccettabile – tanto più perché, alla luce degli studi pubblicati in questi mesi, priva di stringenti motivazioni – della vita e dello sviluppo dei più giovani. A fronte della estrema vaghezza degli obiettivi perseguiti e dei modi per conseguirli intervenendo in modo massimalista nei suddetti ambiti, sembra mancare una precisa consapevolezza dei rischi a cui queste stesse misure espongono i cittadini, soprattutto quelli nel pieno dell’età dello sviluppo, e dei danni che stanno causando loro; non si ha riscontro quindi di una attenta valutazione del rapporto rischi/benefici basato necessariamente sul principio di proporzionalità (come sostiene per esempio l’ordinanza del TAR sulle mascherine al banco di cui sotto).

 

Molti dei danni derivanti da queste misure sono stati prefigurati da esperti autorevoli, e sono stati già ampiamente e drammaticamente documentati e misurati da diversi studi nazionali e internazionali: i risultati, pur provvisori e parziali, sono già spaventosi, e ci parlano di una generazione colpita nella sua possibilità di serenità, di sviluppo e di affermazione in modo spesso irreversibile. Si vedano per esempio gli allarmi, gli appelli e le denunce del pedagogista Daniele Novara (1, 2, 3), del presidente dell’Ordine degli Psicologi David Lazzari (4), del coordinatore del CTS Agostino Miozzo (5, 6); come anche i dossier de “La Stampa” (7) o del “Sole24Ore” (8), che presentano i risultati di diversi studi internazionali. 

 

 

 

SCUOLE APERTE

 

Già dalla primavera scorsa, e con sempre maggiore frequenza e precisione, sono stati pubblicati studi che affermano che la scuola è uno dei luoghi pubblici più sicuri, con un’incidenza minima sull’andamento epidemiologico e una scarsissima capacità di generare focolai significativi. 

Segnaliamo in particolare, tra i più recenti riferiti all’Italia, quello di Gandini-Rainisio-Cecconi-Iannuzzo-Bellerba-Scorrano, condotto sui dati forniti dal Ministero (9); quello pubblicato su “Nature” che analizza anche i dati italiani (10); quello diffuso della Società Italiana di Pediatria, Ospedale Bambino Gesù, Istituto di Ortofonologia, Fondazione Mite, che ha fatto dire al responsabile di Microbiologia dell’ospedale coinvolto, Federico Carlo Perno: “La scuola non è causa di focolai (…) non è veicolo del virus, ma se mai è un luogo protetto.” 

Nel corso della conferenza di presentazione di quest’ultimo studio il direttore dell’Istituto di Ortofonologia Federico Bianchi di Castelbianco ha affermato: “Le scuole chiuse creano problemi enormi e non abbiamo neanche idea di quanto pagheremo se dovessimo richiuderle” (11).

 

Segnaliamo inoltre che la campagna di test a tappeto nelle scuole elementari e medie del Comune di Firenze, tuttora in corso, sta confermando queste evidenze, avendo riscontrato prima della chiusura per le vacanze 8 positivi su 10.000 persone testate tra studenti, docenti e personale ATA (12).

 

La didattica a distanza, quando vada oltre l’uso episodico e limitato nel tempo, è una soluzione che, oltre a privare gli studenti di elementi fondamentali e irrinunciabili, come la relazione fisica, l’accoglienza, la socialità, il confronto, la “palestra di vita” (Lazzari), determina un gap didattico e una regressione cognitiva drammatica, come era immaginabile e come è stato già ampiamente documentato dai primi rigorosi monitoraggi svolti in alcuni Paesi europei ed extraeuropei (non l’Italia, purtroppo).

 

 

 

MASCHERINA AL BANCO

 

L’obbligo di indossare la mascherina al banco, continuativamente per 6/8 ore, per gli studenti sotto i 12 anni contrasta con le linee guida dell’OMS e dell’UNICEF del 21 agosto, che parlano di precisi e documentati rischi e danni psico-fisici, didattici e cognitivi, che non devono essere ignorati o minimizzati qualora si valuti l’estensione dell’uso di questo dispositivo per tali soggetti (13).

 

Anche il TAR del Lazio con Ordinanza n. 07468/2020 del 4 dicembre ha messo in discussione l’obbligo, rimandando a una sentenza prevista per il 10 febbraio, affermando tra l’altro che (14): 

 

“– non risulta siano stati effettuati approfondimenti sull’incidenza dell’uso di mascherina, per alunni da 6 a 11 anni, sulla salute psico-fisica degli stessi, né un’analisi del contesto socio-educativo in cui l’obbligo per tali scolari è stabilito come pressoché assoluto, né sulla possibilità che vi sia un calo di ossigenazione per apparati polmonari assai giovani causato dall’uso prolungato della mascherina; 

- che neanche risulta che il DPCM abbia disciplinato l’imposizione dell’uso delle mascherine ai suddetti minori subordinandola alla adozione da parte degli istituti scolastici di specifici indirizzi operativi pratici per le singole classi, dando precise indicazioni sul monitoraggio del livello di ossigenazione individuale del minore dopo l'uso prolungato della mascherina, sull’ausilio da fornire in modo immediato agli scolari che diano segno di affaticamento, sulle modalità per valutare “la compliance del bambino nell'utilizzo della mascherina e il suo impatto sulle capacità di apprendimento”; 

– che, infine, dal DPCM impugnato non emergono elementi tali da far ritenere che l’amministrazione abbia effettuato un opportuno bilanciamento tra il diritto fondamentale alla salute della collettività e tutti gli altri diritti inviolabili, parimenti riconosciuti e tutelati dalla costituzione, fra cui primariamente il diritto alla salute dei minori di età ricompresa fra i 6 e gli 11 anni, sì da poter connotare di ragionevolezza e proporzionalità l’imposizione a questi ultimi dell’uso di un dispositivo di protezione individuale in modo prolungato e incondizionato, anche “al banco” e con distanziamento adeguato.”

 

Diversi Garanti per l’Infanzia regionali e locali nelle settimane scorse si sono espressi molto criticamente sia sulla chiusura delle scuole (tanto più che, fatta a discrezione dei decisori locali, diventa un elemento di discriminazione territoriale tra coetanei), sia sull’obbligo di mascherina al banco, sollevando in entrambi i casi la questione della necessità, della proporzionalità e dei danni causati da queste misure (15, 16, 17).

 

 

 

LUOGHI DI CULTURA

 

Come la scuola, i luoghi di cultura sono tra i più controllati e sicuri. Nei cinema, nei teatri, nei musei si dà intrinsecamente la possibilità del più rigoroso distanziamento (nei primi due casi in condizione statica, e tenendo tutti lo stesso orientamento, peraltro), del disciplinamento e del contingentamento. In questi luoghi inoltre avviene una sistematica registrazione dei presenti/utenti, che può essere usata per un tempestivo ed efficace tracciamento in caso di necessità. Una prova della sicurezza dei luoghi di cultura è il monitoraggio fatto dall’AGIS nei teatri aperti tra metà giugno e metà ottobre, che ha rilevato un solo caso di contagio (18).

 

 

 

SPORT

 

Discorso analogo per le palestre e per le sedi di attività fisiche, sportive, agonistiche (riconoscendo l’opportunità di riflessioni specifiche per gli sport di contatto). Anche questi contesti sono luoghi controllati, igienizzati, sicuri, dove possono essere rispettate nel modo più rigoroso regole precise. Tanto più dopo che i gestori hanno fatto specifici investimenti per adeguare luoghi e strutture alle indicazioni governative dopo il primo lockdown.

 

 

 

ESITI DRAMMATICI E PARADOSSALI

 

Sappiamo che la mancanza della scuola, delle occasioni culturali e dello sport è rimpiazzata dall’intrattenimento digitale, spesso fruito in modalità e in quantità incontrollate e dannose. Oppure – per chi rifiuti il progressivo isolamento e la “sindrome della capanna” – dalla ricerca di svago e di socialità negli unici luoghi che è consentito frequentare più o meno liberamente, come i centri commerciali o gli spazi urbani: contesti talvolta affollatissimi, privi di protocolli e di controlli, in cui non c’è registrazione dei presenti ed è praticamente impossibile un completo tracciamento dei contatti. 

Per molti giovani queste sono le uniche alternative allo stare chiusi in casa, esposti al rischio della depressione e dell’impoverimento relazionale (19, 20).

Queste misure – dai benefici epidemiologici estremamente dubbi, lesive per contro di diritti naturali e costituzionali, causa certa di gravi danni – possono dunque comportare un aumento del rischio di contagio da covid-19: questo paradosso dovrebbe indurre chiunque a una seria riflessione.

 

 

 

IN CONCLUSIONE: LA POLITICA SAPPIA DARE

 

A quasi un anno dallo scoppio della pandemia è intollerabile che alla salute e alla possibilità di un sano sviluppo dei bambini e dei ragazzi siano riservati così pochi riguardi, sforzi, risorse e preoccupazioni. È intollerabile che dopo 12 mesi di stato di emergenza, e dopo due violentissime ondate epidemiche separate da una lunga tregua estiva, la politica non sappia ancora dare risposte concrete ed efficienti nel senso di offrire opportunità di tutela, intervenendo con più servizi e più sicurezza laddove è necessario (il trasporto pubblico, per esempio), e continui a inseguire un fragile, utopistico equilibrio socio-sanitario nel modo più cieco e disperato: chiudendo, isolando, togliendo.

 

Bambini e ragazzi stanno perdendo fiducia in loro stessi, negli adulti, nella società, nelle istituzioni, nella politica, nel futuro.

 

Per questo, e per il bene della società tutta, vi chiediamo di mettere in atto con la massima urgenza ogni provvedimento necessario perché tutte le scuole vengano riaperte immediatamente e rimangano aperte; perché sia rimosso l’obbligo di mascherine al banco in tutti i gradi di istruzione, a partire da elementari e prime classi delle medie; di mettere fine alla chiusura dei luoghi di cultura e delle attività sportive.

 

 

 

 

Referenze:

 

1) https://www.repubblica.it/scuola/2020/11/06/news/la_scuola_e_salute_l_appello_di_otto_specialisti_al_governo- 273364944/

 

2) https://www.orizzontescuola.it/il-pedagogista-novara-bambini-con-le-mascherine-come-chiedere-ai-calciatori-di-non-correre-mentre-sono-in-campo/

 

3) https://cppp.it/approfondimenti/dettaglio/per-genitori/giu-le-mani-dai-bambini-daniele-novara

 

4) https://rep.repubblica.it/pwa/intervista/2021/01/10/news/il_presidente_dell_ordine_degli_psicologi_sulla_ dad_stare_in _classe_non_e_solo_studiare_a_questi_giovani_manchera_una_pal-282019363/?ref=RHTP-BH-I281217261-P6-S9-T1

 

5) https://www.corriere.it/cronache/21_gennaio_09/agostino-miozzo-territorio-scelte-anarchiche-sono-triste-ragazzi-5a716012-5250-11eb-bd49-c1eb648dc155.shtml

 

6) https://www.corriere.it/politica/20_novembre_23/riapertura-scuola-scuole-covid-miozzo-7074da84-2cf7-11eb-a006-0b5f9624cb77.shtml

 

7) https://www.lastampa.it/topnews/dossier/2020/12/24/news/i-dossier-de-la-stampa-scuola-natale-1.39687289

 

8) https://www.ilsole24ore.com/art/la-generazione-perduta-covid-buchi-apprendimento-30-50percento-ADKibZCB

 

9) https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.12.16.20248134v1?fbclid=IwAR2T0Vv_ThKNYqO86rRGVYIjTs3lv84eMY3EMFx7lLR6f5di8ds1QEucdz8 

 

https://www.fanpage.it/politica/la-scuola-e-un-luogo-sicuro-lincidenza-di-positivi-tra-studenti-e-inferiore-a-quella-generale/

 

10) https://www.nature.com/articles/d41586-020-02973-3

 

11) https://sip.it/2020/12/17/covid-scuola-sicura-con-rispetto-norme-ricerca-sip-bambino-gesu-ido/

 

12) https://www.quinewsfirenze.it/firenze-novemila-test-rapidi-scuole-8-positivi-covid-coronavirus-screening.htm

 

13) https://www.who.int/publications/i/item/WHO-2019-nCoV-IPC_Masks-Children-2020.1

 

14) https://lacittanews.it/2020/12/05/46271/

 

15) https://iltirreno.gelocal.it/regione/toscana/2020/11/16/news/mascherina-obbligatoria-a-scuola-la-garante-dell-infanzia-della-toscana-troppi-rischi-si-riveda-la-norma-1.39547360

 

16) https://www.ilreggino.it/societa/2020/11/28/bovalino-racco-scuole-chiuse-sacrificio-ingiusto-per-i-bambini/

 

17) https://www.lavocedeltrentino.it/2020/11/19/il-garante-dei-diritti-dei-minori-contro-lobbligo-di-indossare-sempre-la-mascherina-a-scuola/

 

18) https://www.ilsole24ore.com/art/il-grido-dolore-teatri-che-sono-luoghi-sicuri-e-hanno-avuto-solo-contagio-ADJaTYy

 

19) https://www.huffingtonpost.it/entry/oggi-gli-studenti-campani-dove-sono-nei-centri-commerciali-ho-visto-le-foto-non-credo-siano-luoghi-piu-sicuri-della-scuola_it_5f89ca65c5b62dbe71c268bd

 

 

20) https://bari.repubblica.it/cronaca/2021/01/10/news/scuola_al_centro_commerciale_-281941825/

Carlo Cuppini

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore