Tempo libero - 03 gennaio 2021, 07:15

Eccellenze del Piemonte in Vetrina è la novità della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba on-line con assaggi gourmet

Gli live show culinari online di VisitPiemonte che continuano a vivere anche sulle piattaforme social

Eccellenze del Piemonte in Vetrina è la novità della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba on-line con assaggi gourmet

L’eccellenza gastronomica del Piemonte per antonomasia è sbarcata sul web con la 90a edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba “Eccellenze del Piemonte in vetrina”, adattata per le esigenze del covid e coordinata da VisitPiemonte. Dieci show cooking e venticinque grandi chef di sette aree del Piemonte, hanno rielaborato la tradizionale Merenda Sinoira, pietanza ottocentesca della tradizione rurale piemontese che si consumava prima della cena. Anticamente era costituita da pane, formaggi, salumi e vino; oggi invece viene rielaborata incontrando i nuovi gusti e utilizzando prodotti locali sempre più raffinati.

 

Per l’occasione la Merenda Sinoira è stata realizzata in live show con il Tartufo Bianco d’Alba, uno dei cinque marchi di eccellenza italiana riconosciuti a livello internazionale. Questo specie particolare di tubero, è considerata una pepita d’oro, perché ha un grande valore economico: nel 2017 è arrivato al suo massimale storico di seimila euro al kg. Un vero e proprio fortino che si trova sui terreni umidi e freschi del Piemonte.


Le pagine del sito Sundt che riguardano i principi nutritivi riportano che “Il tartufo italiano ha un tale valore che vengono realizzati integratori alimentari utili per stati infiammatori e dolori articolari, a causa del concentrato della Niacina (vitamina B3) estratta dal pregiato tubero, oltre ad altri prodotti basati sulle sue proprietà fondamentali. Non si tratta solo di soluzioni gastronomiche e bevande, ma anche prodotti di bellezza come creme, olii, shampoo”.


L’Alba Truffle Show, che si svolge nell’incantevole location del Castello di Roddi nell’Albese, propone anche corsi di cucina in sinergia con i produttori locali, che raccontano come hanno lavorato i prodotti e che tipo di tecniche hanno utilizzato. Accanto a loro, gli chef stellati prepareranno innovative versione dell’antica apericena piemontese. I cibi vengono poi accompagnati dai vini di sette aree della Regione: Torinese, Alessandrino, Cuneese, Langhe Monferrato e Roero; Novarese; Biellese, Valsesia e Vercellese; Verbanio-Cusio-Ossola e Laghi.


Marco Protopapa, Assessore all’Agricoltura e cibo della Regione Piemonte, dichiarava: “Grazie alla maestria degli chef portiamo anche all’estero, al momento virtualmente, i nostri cibi di qualità: oltre a quelli già affermati nel mondo come il Tartufo Bianco d’Alba, anche le altre tipicità della nostra terra insieme ai grandi vini del Piemonte. In un anno in cui la filiera agroalimentare continua a subire i danni economici causati dall’emergenza Covid, sono necessarie iniziative di collaborazione tra enti istituzionali e del territorio che coinvolgano diversi sistemi produttivi del Piemonte, agroalimentare, vitivinicolo, turistico e culturale”.


Parole quanto mai veritiere in questo momento in cui sono numerose le famiglie in difficoltà, tanto che il “Rapporto 2020 povertà ed esclusione sociale” ha registrato un aumento dei nuovi poveri, che sono passati dal 31% del 2019, al 41%, a causa della chiusura di imprese e riduzioni di personale. Iniziative come lo show cooking “Eccellenze del Piemonte in Vetrina” possono intercettare capitale straniero e tutte quelle fette di mercato alto spendenti, dando così un po’ di respiro a chi lavora nella filiera.



Ti potrebbero interessare anche:

SU