/ Libri

Libri | 27 dicembre 2020, 22:00

La classe operaia può andare ancora in paradiso?

Se lo chiede Claudio Arzani nel libro “Nelle fauci degl’Agnelli”

La classe operaia può andare ancora in paradiso?

La classe operaia può ancora andare in paradiso? Se lo chiede Claudio Arzani nel (suo) libro che si intitola “Nelle fauci degl’Agnelli” (Pontegobbo editore).

 

«Questo libro – racconta l'autore – è una riflessione che prende parte dalla conclusione del mio percorso lavorativo. Termina infatti quando, nel febbraio del 2020, esco dalla sede del patronato Inca della Cgil dopo aver definito la pratica del mio pensionamento, disposto d’autorità dall’Azienda Usl in occasione della maturazione di 43 anni e 3 mesi di contribuzione, ultimo giorno di dipendenza il 1° maggio 2020, festa del lavoro, a 66 anni, 2 mesi e 17 giorni d’età. Decisamente emozionato faccio un bilancio sul passato vissuto e allo stesso tempo penso al futuro. Ho sempre vissuto restando dalla parte di chi lavora, per un mondo migliore, equo, solidale, libertario che, come conclude il libro, son certo che verrà»

 

 

Ma veniamo a “Nelle fauci degl’Agnelli”. Agli argomenti trattati e sviscerati.

C’era stato il ’68, la crescita civile degli anni ’70, il Movimento del ’77, i sogni degli indiani metropolitani, la fantasia al potere. Invece, il 18 marzo del 1978 “Furia cavallo del West” (simbolo del Movimento, viene azzoppato dal sistema con il rapimento e il successivo assassinio di Aldo Moro. Cambiò tutto. I signori della grande industria, con la Fiat degli Agnelli in prima fila che avviò una politica di licenziamenti e di delocalizzazione di alcune linee di produzione all’estero, nei Paesi dove il costo del lavoro rasentava livelli di sfruttamento dei lavoratori da ‘800. Una politica alla quale sindacato e lavoratori risposero con un lungo sciopero durato 37 giorni. Sembrava che la sconfitta di quel padronato industriale fosse nei fatti, nella logica della politica ma non fu così: gli Agnelli erano lupi e gli operai… licenziati a migliaia.

 

«Un paio d’anni dopo – racconta Arzani - appena laureato ho vinto una borsa di studio che doveva portarmi nella direzione del personale della grande azienda ho pensato che fosse un’apertura ad una logica che ammetteva forme di collaborazione tra capitale e forza lavoro, magari con ipotesi di forme di cogestione dell’impresa. Ho creduto nel percorso ma, le mie, si rivelarono in breve illusioni. La logica Fiat era solo ed unicamente quella dell’utile, mentre la componente del lavoro, dopo la sconfitta sindacale del 1980, perdeva la sua capacità di elaborazione di un progetto di sviluppo sociale.”

 

Il libro - arrivando ai giorni nostri - riflette sul futuro in divenire: è ancora possibile credere nel sorgere del Sole dell’Avvenire? Claudio Arzani, con la sua testimonianza, non ha dubbi: «E' la direzione, la prospettiva verso un futuro che garantisca la distribuzione della ricchezza per un equo soddisfacimento dei bisogni prima di pensare al successivo soddisfacimento del merito, riducendo innanzitutto la forbice tra ricchezza e povertà.»

 

Claudio Arzani, classe 1954, vive a Piacenza, pensionato dal 2 maggio 2020. Militante nella sinistra socialista tra gli anni ’70 e ’90, esponente del Movimento Laburista cofondatore dei D.S., successive esperienze con S.E.L., giornalista pubblicista collaboratore negli anni ’80 dello storico quotidiano socialista ‘Avanti!’, dopo un’esperienza in Fiat (direzione del personale) prima a Torino, poi a Modena, di fronte alla prospettiva di dover servire l’utile economico di pochi sceglieva d‘essere al servizio dei bisogni dei cittadini nel Servizio Sanitario Nazionale. Come scrittore ha pubblicato saggi su temi sociali come la diffusione di droghe, memorandum storici di guerra, un racconto del disastro di Chernobyl e dell’esperienza di produzione di energia nucleare a Caorso. Infine libri di racconti in versi e in prosa sempre caratterizzati dall’impegno e dalla speranza per un mondo equo, solidale, di giustizia e di pace dalla parte di chi lavora.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore