/ Cronaca

Cronaca | 27 novembre 2020, 10:41

Corso XXVI Aprile: sgombrato l'accampamento abusivo nella zona dell'ex Sambonet

Allontanati i nomadi che vivevano in camper e roulotte e ripulita l'area

Corso XXVI Aprile: sgombrato l'accampamento abusivo nella zona dell'ex Sambonet

E' stata sgomberata e ripulita l'area di corso XXVI Aprile, di fronte alla ex Sambonet, che da tempo era occupata di un insediamento abusivo di nomadi. 

Nella giornata di giovedì il Comune ha notificata l'ordinanza di sgombero e, nella serata, cinque persone, identificate dagli agenti della Polizia locale, se ne sono andati a bordo di un camper, lasciando sul posto un altro mezzo, privo di assicurazione, che è è stato rimorchiato nel deposito comunale.

«Questo insediamento abusivo si perpetrava da anni - dice il capogruppo della Lega Romano Lavarino -: ieri il Comune ha notificato un’ordinanza affinché gli occupanti si spostassero senza azioni inutili. Nella notte tra il 26 e il 27 novembre cinque nomadi, successivamente identificati, si sono allontanati su un camper mentre un altro, privo di assicurazione, è stato portato mediante carro attrezzi dalla Polizia Locale nel deposito comunale».

Nella mattina di venerdì la zona, che si presentava in condizioni di notevole degrado, è stata ripulita dal personale Asm. «La Polizia locale continua a vigilare - continua il consigliere Francesco Iacoi - per impedire che qualcuno si accampi nuovamente in zona o in altre parti della città».

 

«La presenza degli abusivi - aggiunge il vicesindaco Massimo Simion - oltre che illegale, era anche mal sopportata dalla cittadinanza che doveva convivere con loro e condividere lo spazio. L’allontanamento è stato  gestito in modo civile, nel rispetto delle persone, per riportare legalità nel quartiere  in cui disagi e degrado erano il pane quotidiano della popolazione residente. È stato risolto così un problema a noi caro - conclude Simion - con civiltà e buon senso. Rappresenta il frutto dell’operosità della nostra amministrazione che con interesse quotidiano si impegna a ripristinare situazioni di civile e legale convivenza».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore