/ Gattinara-Valsesia

Gattinara-Valsesia | 25 novembre 2020, 13:27

Ospedale di Gattinara, operativi i 30 posti letto per pazienti non Covid

La struttura "rinasce" per far fronte all'emergenza

Ospedale di Gattinara, operativi i 30 posti letto per pazienti non Covid

A Gattinara, il San Giovanni Battista torna nuovamente un punto di riferimento sanitario per il territorio per accogliere i pazienti che avranno bisogno di cure. Sono entrati in funzione i nuovi venti posti letto del Cavs (continuità assistenziale a valenza sanitaria), che si aggiungono ai dieci già attivati nei mesi scorsi, per essere destinati ai pazienti non Covid.

La scelta dell’Asl è stata di tenere i 30 posti letto di Gattinara dedicati alla cura delle post-acuzie.

Il reparto Cavs è, a tutti gli effetti, un servizio territoriale che opera in modo integrato con l’area ospedaliera.

«L’emergenza Covid-19 - spiega il sindaco, Daniele Baglione - ha imposto una drastica riduzione dell’operatività del sistema sanitario e ospedaliero, fatta eccezione per patologie oncologiche e urgenze, una riduzione che, per ovvi motivi, non può essere procrastinata in modo indefinibile nel tempo, anche perché bisogna far fronte alle numerose richieste di pazienti che attendono cure dai nosocomi del territorio. Per questo si è pensato di utilizzare gli spazi del San Giovanni Battista di Gattinara, una struttura rimasta negli ultimi anni sempre attiva, anche dopo la riconversione in Presidio sanitario polifunzionale».

La scorsa primavera, a tempo di record, gli spazi del San Giovanni Battista erano stati riconvertiti alle nuove esigenze andando a creare posti letto che, all'epoca, vennero utilizzati per pazienti Covid in via di remissione. Oggi la decisione di preservare "puliti" (come si dice in gergo tecnico) tutti i posti letto creati.

«Il nostro ospedale - commenta Baglione - diventa a tutti gli effetti un Cavs a disposizione non solo di Gattinara, ma di tutto il territorio, perché questo è grande un progetto territoriale. Il Cavs si aggiunge a tutti i servizi sanitari forniti all’interno della nostra struttura, andando a potenziare quello che sta tornando ad essere un punto di riferimento per la sanità gattinarese, vercellese e valsesiana. La realizzazione del reparto CAVS di Gattinara è stata possibile grazie ad un importante lavoro di squadra, che ha visto partecipare il territorio nella sua interezza Comune, Provincia, Regione, Asl, Fondazioni, Volontariato, privati: una moltitudine di persone che si è attivata per fare del bene e per farlo presto. Un grazie immenso a tutti i benefattori, a partire dal nostro cittadino onorario Giuseppe Lavazza».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore