/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 24 novembre 2020, 14:00

Domani, voglio in campo la rabbia

Francesco Modesto: conferenza stampa prima della partenza per la trasferta contro la Pergolettese

Francesco Modesto

Francesco Modesto

“Una sconfitta può fare anche bene” esordisce Francesco Modesto. Che non è preoccupato per il kappaò interno. Zero.

“Ho rivisto la partita. Siamo stati poco precisi, ma la gara l’abbiamo fatta noi. Domani con la Pergolettese dobbiamo avere lo stesso atteggiamento. Voglio una squadra sbarazzina, che non deve pensare alla classifica. La Pro Vercelli deve solo pensare a giocare da Pro”.

Ha un handicap, domani la Pro. Difficilmente Nielsen, il giocatore che si vede meno ma il più prezioso nell’interdire e nel tessere trame, potrà scendere in campo.

“Vedremo domani mattina. È migliorato, ma sentiremo lui e poi decideremo.”

Mister, i passaggi sbagliati sono il sintomo di una stanchezza mentale?

“Ne abbiamo sbagliati, è vero, ma il merito va anche agli avversari che ci pressavano a tutto campo.”

Siamo stati incisivi sui dodici corner battuti.

È vero, abbiamo commesso degli errori, per esempio ci siamo ostacolati, ma dagli errori si impara e vedremo quindi di migliorare anche questo aspetto.”

Squadra stanca?

“Assolutamente no. I giocatori hanno migliorato i loro dati fisici, da cinque partite a questa parte. Vanno ai duecento all’ora e va bene così.”

Cose non le è piaciuto della partita contro la Pro Sesto?

“Non mi sono piaciuti sei, sette minuti. Quando prendi gol devi attaccare subito a testa bassa. Questo si fa negli ultimi due, tre minuti, quando salta ogni schema. Con la Pro Sesto la prestazione c’è stata, è mancato invece il risultato, ma a me interessa, lo ripeto, la prestazione. Facciamo un esempio. Comi ha segnato due gol con la Giana Erminio, e quindi è stato osannato. Ma per me ha giocato meglio con la Pro Sesto.”

Domani?

“Dobbiamo stare attenti, loro fanno gol in tanti modi e sviluppano le loro azioni con le catene nelle due fasce. Noi dobbiamo continuare. I ragazzi stanno bene e giustamente sono arrabbiati per la sconfitta subita. La rabbia, domani, dovranno metterla sul campo.”

rb

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore