/ Politica

Politica | 13 novembre 2020, 17:03

Songa, presidente delle polemiche, lascia la guida di Atc Piemonte Nord

Notificate alla giunta regionale le dimissioni dell'esponente di Fratelli d'Italia

Luigi Songa

Luigi Songa

Luigi Songa ha rassegnato le dimissioni da presidente di ATC Piemonte Nord. Lo rende noto il consigliere regionale del Pd, Domenico Rossi, che più volte aveva sollecitato la rimozione di Songa dal suo incarico per le posizioni politiche palesemente ispirate alla destra estrema. Da oltre un anno, infatti, l'ex presidente ATC ed esponente di Fratelli d'Italia di Omegna era al centro di una polemica nata dalla presenza di cimeli fascisti nel suo ufficio istituzionale.

Le dimissioni, invece, sono arrivate nell'ambito di un semplice passaggio di consegne programmato internamente ai partiti di centro-destra. Una decisione che Rossi stigmatizza sostenendo che «Il Presidente, la Giunta e tutta la maggioranza si sono giocati molta della loro credibilità sulla grottesca gestione di questa vicenda non riuscendo a rimuovere dal suo incarico un personaggio che non esita a dichiarare: “Se mi danno del fascista non mi offendo” e nonostante la richiesta di dimissioni arrivasse anche dai presidenti di Giunta e Consiglio Regionale».

Rossi, ricordando che «le posizioni riconducibili alla destra più estrema rivendicate dall’ex presidente sono idee e principi contrari alla nostra Costituzione repubblicana ed antifascista», vede comunque, nell'avvicendamento un'occasione «per risanare una situazione imbarazzante».

A Vercelli Songa è passato in molte occasioni, in questo periodo di presidenza, collaborando con l'amministrazione comunale per alcuni problemi aperti nelle case Atc dell'Isola, del Concordia e dell'Aravecchia. In particolare, negli ultimi mesi, gli uffici Atc hanno lavorato per affrontare il problema del risanamento delle palazzine di via Natale Palli. E, proprio con il vercellese, l'orami ex presidente ammette di aver instaurato un buon rapporto di collaborazione.

«È stata un’esperienza molto positiva – commenta Songa, che rimane comunque nel CdA dell’Agenzia per la casa –. Ho collaborato con ottimi amministratori, come il sindaco di Novara, di Vercelli e di Borgosesia e molti altri e lavorato con eccellenti collaboratori e tecnici grazie ai quali siamo riusciti, in poco tempo e nonostante l’emergenza Covid ad avviare una serie di percorsi, alcuni già partiti, i cui risultati si potranno vedere presto».

redaz - dal nostro corrispondente a Verbania

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore