/ Politica

Politica | 12 novembre 2020, 12:10

C'è bisogno di medici e infermieri esclusi dai concorsi perché non cittadini UE

Il PD: appello a Stecco

C'è bisogno di medici e infermieri esclusi dai concorsi perché non cittadini UE

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo in Piemonte ha come denominatore comune ed esigenza primaria la necessità di personale sanitario. Riteniamo quindi importante l’iniziativa di un privato cittadino, Carlo Olmo, per favorire l’arrivo a Vercelli di personale medico proveniente dalla Cina.

Tramite canali social, anche il Presidente della Commissione Sanità del Piemonte Stecco, della Lega, ha elogiato questa iniziativa, auspicando per il futuro l’arrivo di ulteriore supporto di personale medico dall’estero, a partire dal prossimo rientro della “Brigada Cubana”.

Condividiamo tale auspicio, ma prendiamo atto che contemporaneamente Asgi (Associazione per gli Studi Giuridici sull'Immigrazione) ha denunciato l’attuale posizione assunta dalla Giunta regionale di centrodestra di escludere dai bandi di reclutamento del personale tutti i medici e infermieri extra europei.

Questo nonostante la carenza di personale e nonostante il Governo abbia previsto da marzo la possibilità di assumere “tutti i cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione europea, titolari di un permesso di soggiorno che consente di lavorare” (art.13 del Decreto Cura Italia).

Lanciamo quindi al Presidente Stecco un appello costruttivo affinché traduca le sue ragionevoli dichiarazioni in concreti atti politici, convincendo l’amministrazione regionale a consentire a tutti coloro che vogliono lavorare nella nostra sanità di poterlo fare.

Abbiamo in Italia migliaia di medici e infermieri esclusi dai concorsi perché non cittadini UE. In un momento in cui abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti, facendo volare medici dalla Cina e da Cuba, è il caso di far lavorare anche chi, con titoli e competenze, è già nel nostro Paese e nella nostra Regione. Anzi l'augurio dovrebbe essere che chiunque ne abbia competenza si metta al servizio della comunità.

Le iniziative private e volontaristiche sono lodevoli, ma le istituzioni hanno il dovere di fare la propria parte e governare i processi e i settori di cui sono responsabili, come nel caso della Sanità, competenza regionale per la quale l’attuale giunta mostra ogni giorno di più lacune e ritardi.

Ora più che mai è il momento di ammetterli e invertire marcia.

Pd Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore