/ Sport

Sport | 01 novembre 2020, 19:55

De Rinaldis dopo il pari a Trissino: "Partita difficile, affrontata con grande piglio"

Sul raid vandalico subìto da alcuni membri di Hockey Vercelli: "Atto inqualificabile e vigliacco che niente ha a che vedere con lo sport."

Mister Paolo De  Rinaldis, alla sua seconda stagione ala guida di Hockey Vercelli. (Foto di Chiara Jett Tugnolo)

Mister Paolo De Rinaldis, alla sua seconda stagione ala guida di Hockey Vercelli. (Foto di Chiara Jett Tugnolo)

L’allenatore di Engas Hockey Vercelli, Paolo De Rinaldis, analizza la trasferta di ieri sera a Trissino, conclusasi con un pareggio per 5-5. 

E’ stata una partita dura per diversi motivi. Il primo è che Trissino è una squadra importante con un mix difficile da affrontare, unendo giocatori giovani, volenterosi e rapidi ad altri più esperti e molto tecnici. Poi, contro di noi, tutti gli avversari dimostrano grande motivazione. Infine, ieri non abbiamo potuto convocare, per via di un malessere fisico, Giorgio Maniero, un giocatore importante.”

Il mister esprime soddisfazione per l’approccio della sua squadra alla prima trasferta del campionato di A2: “C’erano, quindi, tutti gli elementi per una gara ad alto efficiente di difficoltà, invece i ragazzi sono stati encomiabili e hanno affrontato questa sfida con grande piglio: alla fine, se c’era una squadra che avrebbe dovuto vincere, probabilmente eravamo noi, ma va bene così."

La partita è stata diversa fra primo tempo, dove le squadre si sono più controllate, e il secondo molto più vivo e con un Trissino più propositivo.

“Trissino giocava in casa ed è sempre stato sotto nel punteggio, cosa che lo ha messo in condizione di rischiare. In più, essendo una seconda squadra che non potrà accedere ad un’eventuale promozione, ha una libertà di pensiero e mentalità molto diversa rispetto alla nostra. Noi siamo stati avanti anche per 4-2 e abbiamo avuto anche la possibilità di portarci a casa il match. A tre minuti e mezzo dalla fine abbiamo preso il pareggio: qualche errore c’è stato, potevamo essere più attenti e analizzeremo in settimana ma, complessivamente la squadra ha retto bene attaccando sino in fondo.”

De Rinaldis dedica parole meritate ad uno dei suoi giocatori più giovani:

“Un plauso va a Sebastiano Schena che non aveva ancora mai giocato in partita con noi. Ha lavorato bene in allenamento: gli ho dato un’opportunità e lui mi ha fornito una buona risposta quando è entrato sul punteggio di 1-1, in un momento importante del match. Questa è la strada attraverso cui riuscirà a conquistarsi altri spazi.”

A proposito di individualità, ieri grande prestazione di Matteo Brusa, autore di 3 reti e uomo squadra:

“Si’, ieri ha fatto bene.. e pensare che su di lui c’erano delle perplessità dal punto di vista fisco, essendosi allenato a mezzo servizio per tutta la settimana, a causa di un fastidio muscolare. Mi ha dato una grande risposta, non solo per i tre gol, ma per aver aiutato i compagni. Teo è, e si sta confermando, nostro punto di forza.”

Ha visto differenze con la prima partita, esiste un processo di crescita della squadra?

“A livello caratteriale e di mentalità, abbiamo fatto un piccolo salto in avanti proprio per le difficoltà che presentava questa partita. Stiamo crescendo, lo faremo ancora; è chiaro che so commettono degli errori, ma fanno parte del gioco per migliorare, cosa su cui continueremo a lavorare.”

Prossimo impegno contro Montebello a Vercelli: 

“Un’altra compagine veneta con esperienza e motivazioni alte, non vorrà regalarci niente. Anche loro, essendo seconda squadra dopo la A1, non hanno obiettivi specifici, ma contro di noi daranno il massimo. Questo, per la mia squadra, deve essere un grande onore: significa che gli avversari ci attribuiscono un valore che va dimostrato in pista. Ci prepareremo bene, il nostro obiettivo è vincerla. speriamo di riuscirci.”

Juan Moyano è arrivato?

“E’ in Italia, sta trascorrendo la quarantena che terminerà a breve. Lo sento spesso, so che ha una gran voglia di dare una mano ai compagni, per noi sarà un valore aggiunto.”

 

Mister De Rinaldis tiene a dire la propria sul deprecabile episodio di vandalismo subìto ieri da tre membri di Hockey Vercelli: 

Sono rimasto molto colpito, al di là del danno materiale, è l’atto in sè a dar fastidio, visto che si tratta di persone che mettono a disposizione il loro tempo per dedicarsi ad una causa a favore della socialità cittadina e sono state colpite in modo così vigliacco. E’ un atto inqualificabile. Mi auguro che queste persone, che conosco e apprezzo, mantengano la motivazione per continuare ad aiutarci e che questi delinquenti, perchè di questo si tratta, vengano riconosciuti e perseguiti con quanto previsto dalla legge. Si tratta di un’azione che niente ha a che vedere con lo sport, ma con la civiltà sociale.” 

Elisa Rubertelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore