/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 20 ottobre 2020, 17:05

Modesto: Gli 800 tifosi della Pro saranno il nostro orgoglio

"Guai a pensare che siamo diventati bravi" dice, alla vigilia della gara con la JuventusU23

Modesto: Gli 800 tifosi della Pro saranno il nostro orgoglio

«Se pensiamo che siamo diventati bravi siamo fregati. Vincere fa bene. Fa bene all’autostima, fa bene alla voglia di ripartire, giocare ancora. Ma il cammino è ancora lungo» dice Francesco Modesto alla viglia dell’incontro con la Juventus under 23.

Avrà tutta la rosa a disposizione, ma non ha ancora deciso chi manderà in campo. «Ho una squadra con tanti giocatori che meriterebbero di giocare, che in allenamento si impegnano allo spasimo e che, quindi, mi mettono in difficoltà, ma è meglio così. Chi giocherà? Il fattore che maggiormente pesa non è la stanchezza fisica, ma quella mentale. Valuterò e deciderò.»

Sulla juventusU23 e sui casi di covid che l’hanno un po’ decimata. «Non è così. Hanno una rosa con tanti titolari, sono ben coperti nei doppi ruoli. Sono forti a livello di singoli e di squadra, sarà una bella partita, difficile. È chiaro: noi dobbiamo essere bravi a dare qualcosa in più.»

Nel finale della partita con il Grosseto hai schierato contemporaneamente cinque difensori (Auriletto, Masi, De Marino, Carosso, Hristov). La squadra però ha continuato a giocare alta. «Al di là del ruolo conta la mentalità, e noi fino alla fine abbiamo giocati alti. I cambi li ho fatti perché avevo bisogno di centimetri nei calci piazzati. Che nascondo sempre insidie.»

Torna il pubblico. «Finalmente sentiremo la voce del tifo, e non solo le urla degli allenatori. A Grosseto il tifo c’era, ma per gli avversari. Ottocento tifosi per noi sono un orgoglio. Spero di regalare loro una buona prestazione.»

rb

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore