/ Notizie dal Piemonte

Notizie dal Piemonte | 19 ottobre 2020, 07:28

Icardi si difende: "Lavorato sempre pancia a terra, anche durante il viaggio di nozze"

L'assessore regionale alla Sanità: "Critiche strumentali, sono stato via 5 giorni compreso il viaggio e sono sempre stato operativo. Aumenta la pressione sugli ospedali, ma siamo più pronti e preparati. Le terapie intensive non sono alla saturazione"

Icardi si difende: "Lavorato sempre pancia a terra, anche durante il viaggio di nozze"

Luigi Genesio Icardi non ci sta. L'assessore regionale alla Sanità è finito nel mirino per il fatto di essere andato in viaggio di nozze nel bel mezzo del nuovo picco dell'epidemia "di ritorno" del Coronavirus. Un'ondata che - annunciata o meno - sta colpendo anche il Piemonte e qualche timore emerge da più parti.

L'esponente della giunta Cirio (proprio nelle ultime ore si sono rincorse voci su rapporti piuttosto tesi tra i due) rispedisce le accuse al mittente: "Compreso il viaggio, sono stato via solo cinque giorni, durante i quali sono stato operativo come se fossi stato presente: chi mi critica, strumentalizza la situazione". "Mi auguro - ha aggiunto - che la condizione della Sanità piemontese non sia inficiata dalla mia presenza fisica o meno. Ma io ho sempre lavorato pancia a terra e dal mio partito (la Lega, ndr) ho ricevuto dimostrazioni di solidarietà. Siamo compatti".

E spostando l'obiettivo sulla situazione negli ospedali piemontesi, Icardi sottolinea: "Il Piemonte è pronto a questa seconda fase di epidemia. Ci sono le conoscenze scientifiche, il personale e i farmaci per poter lavorare al meglio". E analizzando i dati sottolinea come "Il 90% dei positivi è asintomatico e anche se la pressione sugli ospedali sta salendo, siamo ben lontani dalla saturazione delle terapie intensive, come invece qualcuno ha sostenuto in questi giorni".

La guardia, tuttavia, va tenuta alta: "Servono sacrifici per il bene di tutti, dal modo in cui ci comportiamo dipende la vita degli altri e dobbiamo esserne consapevoli. Soprattutto perché buona parte dei contagi avviene in ambito famigliare-parentale, quando si abbassa la guardia".

dal nostro corrispondente a Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore