/ Attualità

Attualità | 13 ottobre 2020, 17:45

Coronavirus, il Piemonte corre ai ripari: un reparto con 20 posti letto in ogni ospedale per gestire la nuova ondata di ricoveri

Il nuovo piano della Regione per contrastare una possibile seconda ondata del virus

Coronavirus, il Piemonte corre ai ripari: un reparto con 20 posti letto in ogni ospedale per gestire la nuova ondata di ricoveri

Un reparto Covid con almeno 20 posti letto immediatamente utilizzabili in ogni ospedale della Regione. C’è questo, e anche altro, all’interno del nuovo piano messo a punto dalla Regione Piemonte per contrastare un’eventuale nuova impennata di ricoveri causata dall’epidemia da Covid-19.

In una riunione dell’Assessorato regionale alla Sanità svoltasi lo scorso mercoledì 7 ottobre a cui ha partecipato anche il presidente della Regione Alberto Cirio, sono state infatti decise le nuove misure che le aziende sanitarie regionali devono mettere in campo, nel più breve tempo possibile, per fronteggiare il ritorno dell’emergenza sanitaria. Oltre che al Commissario Vincenzo Coccolo, il documento è stato inviato ai direttori delle asl regionali, ai direttori sanitari del Dirmei, il nuovo Dipartimento interaziendale malattie ed emergenze infettive, al Direttore sanitario del Gradenigo ed al Direttore generale del Cottolengo e dovrebbe essere ufficializzato a a momenti. Segno che la misura deve essere applicata in tutti gli ospedali.

Oltre a dotarsi di nuovi posti letto negli ospedali, ogni Asl dovrà, in caso di necessità, garantirne anche di nuovi da utilizzare per i malati di lieve entità, anche a costo di ricorrere a strutture alberghiere Ma non solo. E’ previsto un rafforzamento negli ospedali di Borgosesia, Carmagnola, Saluzzo e Tortona, dove i reparti i blocchi operatori potranno essere riconvertiti per ospitare i  malati Covid. Ogni ospedale, infine, sarà libero di trasferire i pazienti no covid in altre strutture.

dal nostro corrispondente a Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore