/ Spettacoli

Spettacoli | 12 ottobre 2020, 15:34

"La musica non si ferma": un grande concerto per i 71 anni del Concorso Viotti

Al Civico l'orchestra del Carlo Felice di Genova e il pianista Ziyu Liu. In programma musiche di Beethoven

Il sindaco Andrea Corsaro e Maria Arsieni Robbone, presidente della Società del Quartetto

Il sindaco Andrea Corsaro e Maria Arsieni Robbone, presidente della Società del Quartetto

La musica non si ferma. E - sebbene il Concorso Viotti debba per forza attendere tempi migliori - la Società del Quartetto celebra il 71° anniversario della geniale intuizione di Joseph Robbone con un grande concerto dedicato a Beethoven nel 250° anniversario della nascita.

L'appuntamento, il 22 ottobre prossimo, è al Teatro Civico con l'Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, diretta dal maestro Pietro Borgonovo, e il pianista Ziyu Liu, vincitore del Viotti 2019 e concertista di grande valore.

"In un anno così travagliato - spiega Maria Arsieni Robbone, presidente della Società del Quartetto, presentando l'appuntamento - è stato impossibile per noi organizzare l'annuale appuntamento con il concorso. Tuttavia, grazie alla ferma volontà e all'appoggio dell'amministrazione comunale e della Fondazione Crv, rendiamo omaggio al concorso che ha portato il nome di Vercelli nel mondo della grande musica con questo appuntamento che offre quanto di meglio ci si possa attendere da una grande serata di musica dedicata a Beethoven".

Il programma comprende il Concerto numero 5 per pianoforte e orchestra e la Settima Sinfonia.

"Un appuntamento di grande valore culturale e simbolico - aggiunge il sindaco Andrea Corsaro -. Purtroppo questa pandemia ha minato alcuni dei cardini del grande Concorso che quest'anno avrebbe raggiunto la 71° edizione. In questa situazione di emergenza sanitaria spostamenti, incontri, ospitalità sono fortemente sconsigliati e talvolta neppure consentiti. Non possiamo però lasciare che l'emergenza sannitaria cancelli una pagina così importante della storia culturale cittadina. Dunque l'idea di questo concerto che vuol rappresentare un ponte tra il passato e, speriamo, il ritorno del concorso nel 2021".

Auspicio condiviso da Aldo Casalini, presidente della Fondazione Crv e grande sostenitore della manifestazione.

A illustrare le scelte musicali e i protagonisti della serata è invece il maestro Pietro Borgonovo, direttore del Concorso Viotti. "Il nostro concorso ha sempre avuto come vincitori artisti che poi si veramente distinti nel panorma mondiale - dice -. E anche questo giovane pianista cinese, che oggi vive in Germania, si colloca sulla scia dei suoi illustri predecessori". Ventidue anni appena, l'artista ha già alle spalle esibizioni in alcuni dei più importanti teatri del mondo.

Alla sua esibizione vercellese assisteranno - se le disposizioni attuali verranno confermate - 200 spettatori, il numero massimo al momento consentito: i biglietti sono in prevendita alla Società del Quartetto, cui occorre rivolgersi per le prenotazioni, telefonando allo 0161.255575 dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore