/ Cronaca

Cronaca | 23 settembre 2020, 14:27

Colto da malore, si accascia in viale Garibaldi: a salvarlo un'infermiera e una Oss dell'Asl

La prontezza di Eva Barbi e Anna Fasciano e la presenza del defibrillatore sono state fondamentali

Colto da malore, si accascia in viale Garibaldi: a salvarlo un'infermiera e una Oss dell'Asl

Trovarsi al posto giusto, nel momento giusto: quello che si chiama "destino" permette, a volte ,di salvare una vita.

Così è capitato, giovedì scorso, in via Garibaldi: mentre due operatrici dell'Asl - l'infermiera Eva Barbi e la Oss Anna Fasciano - passavano casualmente in zona per motivi diversi, un uomo, nel dehors di un bar vicino, si è accasciato a terra colto da malore.

Pochi attimi sono bastati alle due operatrici per comprendere la gravità della situazione e cominciare a praticare il massaggio cardiaco; essenziale la presenza di un defibrillatore semiautomatico esterno posizionato nell’area Pisu dell'Antico Ospedale. Uno strumento con cui è stato possibile agire con tempestività in attesa dell’arrivo dei mezzi di soccorso. Gli operatori del 118 hanno poi preso in carico il paziente, trasportandolo in ospedale.

"Una vita salvata grazie alla presenza di queste nostre operatrici formate e addestrate alle manovre di rianimazione cardio-polmonare - si legge in una nota dell'Asl -; un intervento reso efficace dalla possibilità di poter contare sul defibrillatore semiautomatico che oggi è essenziale affinché la città possa definirsi cardioprotetta".

“Quando ti ritrovi in una situazione del genere non pensi a niente – racconta Eva Barbi –  se non al fatto che devi essere veloce e mettere a frutto tutto quello che impari duranti i corsi. Non ho neanche capito dove fosse stato preso il defibrillatore perché ero concentrata sulle manovre. So solo che ad un certo punto qualcuno me l’ha passato ed è stato fondamentale”.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore