/ Cronaca

Cronaca | 19 settembre 2020, 10:20

"Si gettano in strada mentre passano le auto": dai social l'allarme per la sfida tra ragazzini

Dopo una serata di schiamazzi, parte da Tricerro l'appello ai genitori di giovani e giovanissimi: "Controllate dove vanno"

"Si gettano in strada mentre passano le auto": dai social l'allarme per la sfida tra ragazzini

Piccoli fracassoni crescono... anche nei paesi. Dove però, visto che più o meno ci si conosce tutti, il sistema di controllo sociale è molto più semplice e diretto che nelle cittadine medie e grandi.

Accade così che, a Tricerro, attraverso i social vengano segnalati comportamenti inadeguati e pericolosi da parte di ragazzini molto giovani, di appena 12 - 13 anni: "Abbiamo avuto problemi di quiete pubblica: schiamazzi, urla, bestemmie per le strade e campanelli suonati ripetutamente". Comportamenti molesti di fine estate ai quali qualche cittadino annuncia di voler rispondere a suon di secchiate d'acqua - tanto per raffreddare un po' i bollenti spiriti...

Ma quel che più preoccupa è la "moda", lanciata da qualcuno, di fare incursioni in mezzo alla strada mentre sopraggiungono le auto. Un "gioco" ovviamente molto rischioso per tutte le parti coinvolte.

Così il tam tam è subito partito attraverso i social: prima l'invito rivolto ai genitori del paese affinché prestino attenzione alle ultime uscite serali dei loro ragazzi, poi l'appello esteso anche ai "vicini" di Desana. Perché, appunto, visto che nei paesi ci si conosce tutti, non c'è voluto molto a capire che alcuni dei ragazzini avevano raggiunto Tricerro percorrendo probabilmente in bicicletta o in motorino i pochi chilometri che separano i due centri. "Fate attenzione a dove vanno i ragazzini alla sera, perché, al di là di quel che è successo a Tricerro, muoversi sulla provinciale di notte senza adeguate luci rischia di essere molto pericoloso" è l'invito che sta circolando da paese a paese.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore