/ Economia

Economia | 16 settembre 2020, 15:39

Protesta la Sanità privata: "Mancato accordo sul contratto: vergogna!"

Presidio anche a Vercelli in occasione della giornata di protesta organizzata da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl

Protesta la Sanità privata: "Mancato accordo sul contratto: vergogna!"

Sanità privata in piazza anche a Vercelli. Questa mattina, mercoledì 16 settembre, in occasione dello sciopero nazionale proclamato da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl è stato realizzato un presidio davanti alla Clinica Santa Rita.

Tema caldo, per il settore, è quello del rinnovo del contratto: "Dopo tre anni di trattative e 14 anni di assenza di rinnovo contrattuale - spiega la nota sindacale - si era giunti alla sottoscrizione di un testo condiviso dalle delegazioni datoriali e sindacali. Poi, smentendo loro stesse, Aris e Aiop hanno sostenuto non esserci le condizioni sufficienti per sottoscrivere in via definitiva il contratto, venendo meno agli impegni sottoscritti e ponendo i lavoratori in una condizione di incertezza e privazione di riconoscimenti economici".

Per questo, anche a Vercelli, gli operatori del settore privato hanno aderito alla protesta.

Per Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, il passo indietro dei datori di lavoro è stato "vile e vergognoso: nonostante ci fossero alla base del rinnovo garanzie istituzionale, confermate sia dal ministero della Salute, che dalle singole Regioni. Il solo motivo della mancata sottoscrizione definitiva del contratto è riconducibile alla non volontà da parte di Aris e Aiop di mantenere gli impegni sottoscritti con la pre intesa".

Un comportamento che, dopo tanti mesi di emergenza sanitaria, il sindacato non ha inteso lasciar passare sotto silenzio: "Le professioniste e i professionisti della sanità privata hanno operato, unitamente ai colleghi della sanità pubblica, per far fronte alla grave emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 con la stessa professionalità e impegno ma senza gli stessi diritti a un riconoscimento economico uguale”, concludono dal sindacato.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore