/ Spettacoli

Spettacoli | 08 luglio 2020, 19:15

Con "Mistero buffo" di Dario Fo e "Amleto take away" si torna a teatro

Due appuntamenti al Civico: con una bella sorpresa per gli abbonati della Stagione di Prosa e della Stagione degli Anacoleti (che organizzano insieme a Piemonte dal Vivo)

Matthias Martelli in Mistero Buffo

Matthias Martelli in Mistero Buffo

Dopo un duro periodo di lockdown che ha costretto i teatri a chiudere e molte stagioni a interrompersi prima del tempo, Officina Anacoleti riapre il sipario del Teatro Civico di Vercelli con due spettacoli della sua stagione Eresia, trasferiti per l'occasione in via Monte di Pietà nel pieno rispetto delle disposizioni sul distanziamento sociale.

Questi eventi sono possibili grazie alla collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo e Comune di Vercelli.

Nelle serate del 14 e 15 luglio, alle ore 21, vanno in scena gli spettacoli “Mistero Buffo” di Dario Fo, con Matthias Martelli e la regia di Eugenio Allegri, e “Amleto Take Away” della compagnia Berardi-Casolari.

Il primo, “Mistero Buffo”, ha un titolo che parla da sé - indissolubilmente legato alla figura del suo autore-attore, Dario Fo, che proprio dieci giorni prima di lasciarci, nel 2016, concesse a all’attore e regista Matthias Martelli di essere il continuatore in scena del suo capolavoro Già ospitato da Officina Anacoleti con il divertentissimo “Il Mercante di Monologhi”, Matthias Martelli riporta in scena un classico immortale, rimanendo sempre fedele alla tradizione giullaresca del maestro, ma personalizzandolo al contempo con la propria vena artistica e comica. Alla regia, Eugenio Allegri, attore e regista di solidi legami con la Commedia dell’Arte e con la lezione di Lecoq, naturalmente affine al lavoro di Dario Fo, con il quale ha più volte lavorato. Salutato con grande successo a Londra, durante l'Italian Theatre Festival al Teatro "The Print Room", il “Mistero Buffo” di Allegri-Martelli è uno spettacolo attualizzato e universalizzato attraverso un linguaggio e un’interpretazione nuova e originale, che restituisce allo spettatore lo spirito del nostro tempo.

Il 15 luglio sarà la volta di “Amleto Take Away”, una produzione Berardi Casolari e Teatro dell’Elfo, premiata ai Premi UBU 2018 per il miglior attore, Gianfranco Berardi, che dà vita sul palco a un affresco tragicomico che gioca sui paradossi, gli ossimori e le contraddizioni del nostro tempo. Un Amleto con indosso una vecchia maglia dell’Inter, con i polsi legati e la testa china sul petto, quasi a simboleggiare un Cristo in croce, che passa dal comico al tragico, dal pathos all’autoironia, dal castello di Elsinore al tinello della casa del sud. Una modernissima interpretazione di un classico immortale, fatta di giochi di parole, dialettismi e sketch, ma arricchita anche da poesia e solennità, in un continuo viaggio schizofrenico di salite e discese - perfetto ritratto della nostra società.

Entrambi in scena alle ore 21, i due spettacoli saranno offerti a titolo gratuito agli abbonati alla stagione 2019/2020 del Teatro Civico di Vercelli, grazie all’intervento dell’Assessorato alla Cultura.

Si ricorda che l'accesso al teatro avviene in osservanza ai limiti imposti dalla situazione emergenziale.

1. ABBONATI STAGIONE 2019/2020 OFFICINA ANACOLETI Potranno ritirare il loro biglietto la sera stessa degli spettacoli, all’apposito banco disposto nella biglietteria del teatro

2. ABBONATI STAGIONE 2019/2020 TEATRO CIVICO Dovranno inviare una mail con nome, cognome dei partecipanti, numero telefonico, spettacolo prescelto, a eventi@comune.vercelli.it entro le 10 di lunedì 13 luglio. Il biglietto gratuito (*) potrà essere ritirato presso la biglietteria del teatro la sera stessa dello spettacolo dalle ore 20.00 3.

3. MODALITÀ DI ACQUISTO EVENTUALI BIGLIETTI RESIDUI € 10,00 (*) Prevendita da Dosio Music via Verdi 44 - Vercelli dalle ore 15.30 di lunedì 13 luglio o negli orari di apertura del negozio nei giorni degli spettacoli oppure in biglietteria dalle ore 20.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore