/ Attualità

Attualità | 03 luglio 2020, 14:50

Sanità: liste d'attesa infinite e visite impossibili da prenotare. L'allarme dei Medici di Famiglia

Una nota del presidente dell'Ordine, Pier Giorgio Fossale, e del segretario Fmmg, Giovanni Scarrone

Sanità: liste d'attesa infinite e visite impossibili da prenotare. L'allarme dei Medici di Famiglia

I segnali non erano incoraggianti fin dai primi giorni: visite annullate per l'emergenza Covid e rinviate a data... da destinarsi, problemi con gli esami del sangue, agende chiuse e lunghe code. Ora il caldo e l'avvio del Cup unico regionale ha ulteriormente complicato la situazione. 

Lo segnalano, quotidianamente, con esasperati post sui social, moltissimi cittadini e, in una sola giornata, lo precisano in due distinte note, il presidente della commissione Sanità, Alessandro Stecco e il presidente dell'Ordine dei Medici, Pier Giorgio Fossale.

In una nota, firmata insieme al collega Giovanni Scarrone, segretario dei Medici di Medicina generale di Vercelli, Fossale scrive: "Segnaliamo, nell'ambito dei nostri ruoli istituzionali,  che la situazione per quanto attiene l'erogazione di prestazioni e servizi presso Asl Vc si complica ogni giorno di più...  Il cittadino non riesce a prenotare le visite né al Cup né tramite il cosiddetto Sovracup (il famoso numero telefonico 800 000 500); le liste d'attesa sono intollerabili; le informazioni fornite da Asl sono contraddittorie e confuse. Noi medici di famiglia ci troviamo nell'impossibilità di curare al meglio i nostri pazienti mancando il supporto specialistico. Siamo sommersi da lamentele e proteste per le quali non abbiamo strumenti per dare risposte.... Questo è il risultato finale di una situazione grave più volte negli anni segnalata da noi medici e dal direttore del distretto ma che non ha mai trovato adeguata risoluzione. Siamo molto preoccupati in quanto temiamo che il sistema si paralizzi definitivamente, mettendo in serio pericolo la salute pubblica. Noi medici di medicina generale - conclude Fossale - come sempre continueremo a prenderci cura dei nostri assistiti con senso di responsabilità e dedizione. Siamo in costante contatto con il consigliere regionale Alessandro Stecco  sempre attento alle problematiche da noi segnalate e che in altre situazioni ha contribuito a risolvere e proprio per questo speriamo che il nostro grido di allarme e la nostra richiesta di intervento sia ascoltata". 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore