/ Economia

Economia | 15 giugno 2020, 11:36

Crisi della Cerutti, entra in gioco anche la Regione

Interrogazione urgente di Alessandro Stecco. Intanto da martedì azienda e sindacati tornano al tavolo delle trattative

Crisi della Cerutti, entra in gioco anche la Regione

Interpellanza urgente sulla crisi della Cerutti e sull'imminente chiusura dello stabilimento di Vercelli.  A presentarla, in Consiglio regionale, è il vercellese Alessandro Stecco. 

“La crisi della storica azienda Officine Meccaniche Cerutti S.p.a. – dice - colpisce duramente la nostra comunità, in particolare le famiglie dei 163 lavoratori che usufruiranno della cassa integrazione straordinaria, al momento solo fino al 31 gennaio 2021. Come anticipato nei giorni scorsi - continua Stecco - come Consigliere regionale seguirò da vicino la vicenda insieme al sindaco Andrea Corsaro, alla Provincia e alla Regione. Ho voluto portare subito il tema nel prossimo Consiglio regionale, con un’interpellanza urgente con risposta immediata della Regione su quali siano gli interventi in previsione. L’interpellanza avrà presentazione e risposta della Giunta Regionale già tra martedì e giovedì di questa settimana, direttamente in aula”.

Sulla vicenda interviene anche il parlamentare Paolo Tiramani. “Lo scenario socio economico che si prospetta a livello nazionale – dice - a partire soprattutto da quest’autunno, colpirà purtroppo anche Vercelli e la gravissima crisi lavorativa che interesserà più di 160 lavoratori della Cerutti e le loro famiglie sono un altro duro colpo che dobbiamo affrontare tutti in modo sinergico. Anche in questa vicenda saremo a fianco dei lavoratori e delle loro famiglie, impegnandoci in tutte le sedi opportune, affinché siano garantite loro le necessarie tutele. Ringrazio il consigliere Stecco per essersi fatto portavoce in Regione di questa grave emergenza del nostro territorio, i lavoratori vercellesi non saranno lasciati soli”.

Intanto, martedì, azienda, sindacati e commissari tornano al tavolo delle trattative. Inizia un'altra fase delicata del confronto: quella che porterà a stilare l'elenco di chi entrerà a far parte della NewCo che, in base all'accordo siglato la scorsa settimana, avvierà la produzione delle 10 macchine già in ordine per il 2020.

 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore