/ Spettacoli

Spettacoli | 11 giugno 2020, 19:09

"W Rodari": due spettacoli per rendere omaggio al mago della fantasia

Dalle Filastrocche al Barone Lamberto: due proposte di Museo Leone, Il Porto e i Camalli

Roberto Sbaratto e Gianni Mentigazzi

Roberto Sbaratto e Gianni Mentigazzi

Riparte dall'omaggio a Gianni Rodari il "mago della fantasia" la stagione culturale organizzata dal Museo Leone insieme all'associazione Il Porto e con la partecipazione dei Camalli.

Nell'anno in cui ricorrono il centenario della nascita, il quarantennale della morte e i 50 anni dal conferimento del premio “Hans Christian Andersen” per la narrativa dell’infanzia, Vercelli rende omaggio a Rodari con un doppio appuntamento che segna anche - dopo la riapertura del museo di via Verdi e del Mac - la ripresa della stagione degli spettacoli. 

"Avevamo deciso di rendere omaggio a Rodari e avevamo concordato questi spettacoli a inizio anno - ha ricordato Roberto Sbaratto del Il Porto, presentando gli appuntamenti insieme al presidente del Leone, Gianni Mentigazzi, e al direttore Luca Brusotto - Con la possibilità di riprendere le attività culturali abbiamo adattato il copione alle nuove misure anti Covid e siamo contenti di poter offrire a chi è cresciuto con Rodari la possibilità di vivere qualche momento di serenità e leggerezza, non certo per dimenticare ciò che è accaduto, quanto per affrontare le sfide del mondo senza ansie e paure che rischiano di fare ancora più danni. Siamo convinti che la cultura e gli spettacoli debbano ripartire e siamo contenti di poterlo fare con Rodari".

 

Gli spettacoli (quattro per esigenze logistiche anti Covid) si svolgeranno nel cortile di Casa Alciati: sabato 20 e domenica 21 giugno alle ore 18, lo spettacolo sarà dedicato alle Filastrocche in cielo e in terra, al Libro degli errori alle Favole al telefono e alla Grammatica della fantasia. In scena ci saranno Roberto Sbaratto, Valeria Bosco accompagnati dal commento musicale di Luigi Ranghino. Il secondo appuntamento è sabato 4 e in replica domenica 5 luglio sempre alle 18 ed è dedicato ala lettura scenica di "C’era due volte il Barone Lamberto", forse la più coinvolgente e divertente storia creata da Rodari. I “Camalli” saranno i protagonisti di questa messa in scena insieme a Roberto Sbaratto.

"Crediamo che questa possa essere una felice occasione per ritrovarsi - commenta Sbaratto - per stare assieme e per condividere divertimento e poesia. La leggerezza e la profondità delle opere di Gianni Rodari oltrepassano il confine della letteratura per l’infanzia per venire a risvegliare la fantasia e la creatività di noi adulti. Soprattutto in questo momento, dopo tutto ciò che è accaduto, siamo convinti ce ne sia un gran bisogno".

"Rodari è sempre stato etichettato come autore per ragazzi - ha ricordato Mentigazzi -ma chi lo ha poi ripreso in età adulta ha trovato nei suoi testi piani di lettura diversi e ben più profondi, per certi aspetti rivoluzionari. Per noi è motivo di grande orgoglio, dopo aver riaperto il museo già il 24 maggio scorso, tornare a ospitare spettacoli ed eventi culturali".

Per rispettare i protocolli per la sicurezza sanitaria i posti saranno dimezzati rispetto alla normale capienza e la prenotazione sarà obbligatoria. Il biglietto di ingresso per ciascuno spettacolo è 10 euro e le prenotazioni vengono raccolte telefonando allo 0161 253204 (fino al venerdì alle 12.30); oppure al 334 8568194 (da venerdì pomeriggio); o via mail scrivendo a info@museoleone.it. I posti disponibili sono circa 50 a serata: per motivi logistici sempre collegati alla necessità di evitare assembramenti, è opportuno anche arrivare con un po' di anticipo.

 

fr

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore