Cintura di Vercelli - 01 giugno 2020, 09:53

L'addio a Douglas Sambiase: "Sul tuo autoscontro hai fatto divertire generazioni di vercellesi"

Morto lo storico giostraio: da Asigliano a Olcenengo a Crova ricordi commossi per una persona simpatica e benvoluta

Douglas Sambiase

Douglas Sambiase

E' un lutto che unisce diversi centri del vercellese quello per la morte di Douglas Sambiase, storico giostraio e titolare dell'autoscontro che ha fatto divertire generazioni di vercellesi durante le varie feste patronali della zona. E, come era avvenuto pochi mesi fa per la scomparsa di Caroselli De Vinci, al dolore per la morte di una persona speciale si unisce la malinconia per la fine di un'epoca di spensieratezza che oggi sembra davvero irripetibile.

leggi anche: "ADDIO MISTER PAOLINO"

Tantissimi ragazzi - da Asigliano a Olcenengo a Crova - hanno atteso ogni anno l'arrivo delle rispettive feste per divertirsi sulla pista dell'autoscontro e per incontrare quell'uomo simpatico, che sapeva incantare con la musica e la voce. Lo ricorda il sindaco di Asigliano, Carolina Ferraris: "Se iniziassimo a raccontare chi eri e cosa hai dato ad Asigliano non basterebbero 100 libri. Hai da sempre rappresentato la nostra gioventù proprio come i miti degli anni '90. Sapevi incantare con la musica del tuo autoscontro e la tua voce: "Dai ragazzi, giù il gettone, si gira". Mancherà non vederti seduto al tavolo del Bar Leon D'Oro a giocare una mano di scopa o di ramino. Eri un uomo estremamente cordiale, a tratti misterioso, ma quando sorridevi si leggeva il tuo animo gentile. Caro Duglas la tua anima sarà per sempre parte integrante della nostra comunità. A nome di tutti rivolgo le più sentite condoglianze alla moglie Maura, ai figli Denny e David, alle mogli, figli e parenti tutti".

Sambiase era esponente di una storica famiglia di giostrai, come ricorda anche il sindaco di Olcenegno, Anna Maria Ranghino. "L’ho conosciuto quando ero bambina, ho conosciuto la sua famiglia e i suoi nonni; tutte persone splendide. Ricordo che tutti attendevamo il suo arrivo per la nostra festa patronale. Lui era un amico per tanti di noi. Tutta la nostra comunità di Olcenengo si stringe nel dolore della famiglia per la grave perdita. È sempre stato considerato uno di noi..... un Olcenenghese: sempre cordiale e sorridente, ha fatto divertire tanti ragazzi e giovani e di diverse età". E, una concittadina, ricorda come Sambiase "quando arrivava ci salutava uno a uno come fossimo della famiglia... E quando eravamo già adulti la sera tardi c'era il ritrovo sull'autopista e lui era contentissimo con quel suo sorriso contagioso e la sua frase storica "giù il gettone ragazzi si gira ...". In paese, c'è anche chi ricorda la generosità dell'uomo: "per anni il lunedì del giorno della festa accendeva l'autopista per far divertire i bambini di Chernobyl ospiti della comunità".

E anche gli amici di Crova ricordano serate di allegria, insieme, a vivere la festa e a cenare in strada. "Come dimenticare le sere passate sul tuo autoscontro... La tua voce che ci diceva giù il gettone si gira... E poi le tavolate tutti insieme a cenare per la via... Addio Douglas, adesso fai giocare gli angeli".

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

SU