/ Attualità

Attualità | 01 giugno 2020, 16:38

Cirio: "Piemonte pronto a riaprire i confini: positivi tutti gli indicatori sanitari"

Le date della riapertura al resto della nazionale e al resto dell'Europa

Cirio: "Piemonte pronto a riaprire i confini: positivi tutti gli indicatori sanitari"

Piemonte pronto a riaprire: da 3 giugno i confini regionali saranno aperti a chi proviene da altre zone d'Italia e, dalla metà del mese, anche a persone provenienti dal resto d'Europa. L'annuncio è del presidente Alberto Cirio che, in conferenza stampa, sta annunciando le imminenti tappe verso la riapertura.

“Il report discusso con il ministero della Salute Roberto Speranza – dice Cirio – rende conto dei positivi dati sanitari. Dati che raccontano il lavoro e l'impegno che il sistema sanitario piemontese e dello sforzo fatti da tutti per fermare il virus”.

Il sistema di controllo messo in piedi in questi mesi consente di avere ogni giorno il punto della situazione rispetto ai nuovi casi e, attraverso un sistema di contact tracing, si sta cercando anche di prevenire la creazione di focolai. “Rispetto al passato – spiegano i tecnici regionali – riusciamo, in caso di sospetto di positività, di mettere subito sotto controllo i suoi contatti effettuando subito i tamponi che, al momento, restano il solo strumento diagnostico per determinare la malattia”.

Cirio ha anche spiegato che, sulla base di quanto verificato finora con i test sierologici, tra il 3 e il 5% delle persone sono positive all'IgG, quindi sono venute in contatto con il virus, e di questi solo lo 0,1% sono positive al tampone.

“A questo proposito – sottolinea il presidente – voglio ribadire che se il test sierologico evidenzia la presenza di immunoglobuline, il paziente viene immediatamente inserito nel sistema regionale di controllo del Covid e deve sottoporsi al tampone per i provvedimenti conseguenti”.

Dati positivi da tutti gli indicatori relativi al contagio, al tempo di isolamento dei sintomatici, ai posti letto occupati in terapia intensiva e non. Numeri che consentono al Piemonte di poter aprire in tutta sicurezza.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore