/ Borgosesia

Borgosesia | 28 maggio 2020, 18:27

Borgosesia: "Disinfettiamo il depuratore, senza rischi per il fiume Sesia"

Intervento da eseguire tra le misure anti Covid. Un tavolo di lavoro con Comune, Provincia, Arpa, Ato2 e Sii ha messo a punto la strategia da seguire

L'assessore Eleonora Guida

L'assessore Eleonora Guida

Al termine di un tavolo tecnico cui hanno partecipato Comune, Provincia di Vercelli, ATO2, Arpa Piemonte e Sii Spa è stato dato il via al protocollo per disinfettare il depuratore di Borgosesia, in località Ghiaetto. Una misura richiesta dalla Provincia a tutela della salute pubblica, in considerazione del fatto che nel depuratore convergono anche le acque provenienti dall’ospedale e dunque, vista l’emergenza sanitaria ancora in corso, risulta più prudente evitare qualsiasi rischio connesso all’epidemia, provvedendo alla disinfezione dell’impianto.

L'attività non era mai stata svolta finora perché comporta l'utilizzo di cloro e ipoclorito, sostanze chimiche dannose per gli ecosistemi fluviali. L'emergenza sanitaria in corso, tuttavia, richiede un intervento che, in questo caso, è stato studiato nei minimi particolari per ottenere il massimo risultato sanitario nel massimo rispetto dell'ambiente. Due le direttrici che verranno applicate su indicazione di Arpa: oculato dosaggio dei disinfettanti e controlli frequenti e ripetuti nel tempo.

Per il Comune di Borgosesia ha partecipato alla video conferenza l’assessore all’Ambiente Eleonora Guida: «A fine aprile si era deciso di rinviare la disinfezione del depuratore per motivi di tutela ambientale – spiega Guida – ma ora la Provincia, che ha tale competenza, ha sottolineato la necessità di intervenire per motivi sanitari, dando ampie garanzie di attenzione e rispetto ambientale».

Una valutazione, quella della Provincia, che ha trovato d’accordo l’Arpa e che sarà messa in pratica in collaborazione con SII Spa, attuando sistemi di monitoraggio ed estrema cura nel dosaggio dei prodotti disinfettanti, come richiesto specificamente dal Comune: «Il Comune di Borgosesia, conscio del fatto che la disinfezione avviene tramite l’uso di sistemi con cloro e ipoclorito, dannosi per gli ecosistemi fluviali tanto che mai si sono utilizzati nel nostro territorio, abbiamo sottolineato che riteniamo la tutela dell’ambiente fondamentale. Pertanto abbiamo ottenuto ampie rassicurazioni sia da parte di SII che di Arpa: vigileranno e controlleranno affinché non ci sia alcun rischio per le acque del Sesia».

 

Ecco dunque come si procederà: su indicazione di Arpa, la SII ha dato disponibilità a prevedere due controlli al giorno sulle operazioni di disinfezione, ai quali si aggiungerà un controllo costante di Arpa. La Provincia di Vercelli, responsabile di tutte le operazioni, ha dato disposizione affinché venga effettuata la disinfezione del depuratore, limitando i dosaggi e la concentrazione di ipoclorito allo stretto necessario e ha richiesto di contattare le associazioni di pescatori per coordinare le operazioni con quella delle guardie ittiche provinciali, a tutela dei pesci che vivono nelle acque del Sesia.

Queste ultime si sono subito attivate: «Abbiamo fatto verifiche – spiega Fabrizio Bonaccio, presidente della Società Pescatori Sportivi di Borgosesia – e vista l’elevata quantità di acqua presente in questo periodo, riteniamo che l’intervento di clorazione non rappresenti un pericolo per la fauna ittica presente nel Sesia».

Soddisfatta l’assessore Eleonora Guida: «Sppiamo che molti cittadini usano le acque del Sesia per bagnare gli orti, e il fiume è un patrimonio naturalistico fondamentale per tutti noi - conclude l'assessore Guida - dunque abbiamo richiesto la massima attenzione nella gestione delle operazioni e siamo stati ampiamente rassicurati in tal senso: l’interesse di tutti, Comune, Provincia, Arpa, Ato2 e SII è quello di tutelare la salute pubblica nel pieno rispetto dell’ambiente, e questa operazione è studiata nei minimi dettagli per centrare l’obiettivo».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore