/ Attualità

Attualità | 18 maggio 2020, 16:14

Biud10: "Grandi progetti da realizzare grazie anche al 5x1000"

L'appello dell'associazione in vista del periodo delle dichiarazioni dei redditi

La consegna di uno dei contributi annuali per TataMia

La consegna di uno dei contributi annuali per TataMia

In passato, grazie all'auto-finanziamento e all'insostituibile contributo dato dai sostenitori attraverso il 5x1000, Biud10 ha realizzato importanti progetti per i bambini e per la città: dalla ristrutturazione del TataMia, al parco giochi inclusivo di piazza Mazzini per arrivare all'acquisto di ingenti attrezzature per la Pediatria dell'ospedale Sant'Andrea.

Così, avvicinandosi il periodo delle dichiarazioni dei redditi, anche quest'anno la onlus nata in memoria di Andrea Bodo fa appello ad amici e sostenitori affinché decidano di destinare all'associazione il 5×1000. "Grazie al vostro contributo potremo portare avanti nuovi importanti progetti come quelli già realizzati in questi anni" spiegano da gruppo che, ogni anno, oltre a realizzare. un progetto nuovo, versa il denaro per le spese di gestione ordinaria del TataMia.

"Con la vostra Dichiarazione dei redditi (modello integrativo CUD, modello 730, modello unico persone fisiche) potete fare molto - è l'appello -. Non costa nulla, non si tratta di una tassa aggiuntiva, né di un sostituto dell’8 per mille, ma di un modo per scegliere a chi destinare parte delle proprie tasse, che andrebbero comunque allo stato".

Destinare il vostro 5×1000 è semplice: al momento della dichiarazione dei redditi (Modello integrativo CUD, modello 730, modello unico persone fisiche) nella scheda per la scelta della destinazione del 5 per mille dell’Irpef, nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale …” va messa la firma nell’apposito spazio e nel campo “Codice fiscale del beneficiario” va inserito il codice fiscale: 94032210026 dell'associazione

"Anche chi non deve presentare la dichiarazione dei redditi può comunque richiedere la scheda al datore di lavoro o dell’ente erogatore della pensione e consegnarla, compilata e in busta chiusa, a un ufficio postale, a uno sportello bancario, che le ricevono gratuitamente, o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti, etc.). Sulla busta occorre scrivere "Destinazione cinque per mille Irpef" e indicare cognome, nome e codice fiscale del contribuente", concludono dall'associazione.

Potete trovare istruzioni precise sul nostro sito al seguente link:
www.biud10.org/<wbr></wbr>contribuisci/5x1000/
 
Per ulteriori richieste di informazione scrivete al nostro indirizzo:
info@biud10.org
 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore