/ Politica

Politica | 15 maggio 2020, 14:00

Agevolazioni su Tari, Imu e Irpef: bocciati gli emendamenti della minoranza

Consiglio comunale con maxi ordine del giorno

Agevolazioni su Tari, Imu e Irpef: bocciati gli emendamenti della minoranza

Sono state bocciate le proposte di emendamento al regolamento Tari presentate in Consiglio comunale dagli esponenti della minoranza.

leggi anche: FASE 2: LE NOSTRE PROPOSTE

L'assessore ai Tributi, Massimo Simion, ha confermato il rinvio del pagamento della prima rata e l'adozione delle agevolazioni in materia che via via verranno comunicate dal Governo (le più recenti sono state disposte solo pochi giorni fa) nell'ambito dei provvedimenti generali emessi a seguito dell'emergenza Covid19.

leggi anche: SULLA TARI LE AGEVOLAZIONI CI SONO

Considerazioni che non sono bastate all'opposizione. “Erano proposte tese ad alleggerire la pressione del balzello locale, per dare respiro alle attività produttive della città e alle famiglie strette nella morsa della crisi”, hanno sostenuto in momenti diversi tutti i proponenti: da Alberto Fragapane (che ha presentato l'emendamento per raddoppiare lo sconto Tari a chi destina in via stabile prodotti alimentari a enti di solidarietà), a Michelangelo Catricalà (che ha illustrato la proposta di eliminare la Tari per i periodi di chiusura da lockdown), a Maura Forte a Carlo Nulli Rosso, a Paolo Camponosi e a Roberto Scheda. Pungente l'attacco di Michele Cressano: “Dai pochi interventi dei consiglieri di maggioranza abbiamo avuto la conferma che quest'amministrazione si affida unicamente alle misure messe in campo da Governo e Regione per affrontare l'emergenza senza cercare soluzioni proprie per andare incontro ai bisogni delle famiglie”.
Oltre tre ore di discussione, con pochissimi interventi da parte della maggioranza, prima di arrivare alla bocciatura finale.
“Sarebbe stato sufficiente utilizzare i risparmi derivanti dal mancato esercizio di raccolta da parte del gestore della raccolta rifiuti in seguito alla chiusura degli esercizi commerciali e delle attività produttive – ha chiosato Nulli Rosso - ma si è scelto, come sempre, di non ascoltare la minoranza”. Nel corso del pomeriggio il consiglio analogo destino hanno avuto le proposte della minoranza in relazione all'Imu e alle soglie di esenzione dell'addizionale Irpef.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore