/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 15 maggio 2020, 22:10

Sabato sera a Vercelli: omaggio di luci per Ezio Bosso

Gianna Baucero: "Nessuno è mai rimasto indifferente al suo carisma, al suo talento, ai suoi messaggi a dispetto di una vita non facile e non prodiga di sconti"

Sabato sera a Vercelli: omaggio di luci per Ezio Bosso

In memoria di Ezio Bosso sabato sera, 16 maggio, a Vercelli, Piazza Cavour si illuminerà di un colore insolito, per rendere omaggio a uno spirito eletto che è stato, come noi, un figlio del Piemonte: era nato a Torino nel 1971 e nel capoluogo piemontese aveva vissuto gran parte della sua esistenza. Ma dire che Bosso era solo piemontese sarebbe riduttivo. Lui era un figlio del mondo, amato in Italia e all’estero, non solo per il suo talento, ma anche per il suo spirito, il suo coraggio, la sua energia.

«Quando calano le prime ombre della sera tornano i fantasmi di chi non c’è più e i ricordi di chi ci ha lasciati, magari dopo aver percorso un lungo tratto del viaggio con noi. Accade nella vita di tutti. E da oggi il mondo avrà un altro viandante scomparso da ricordare: Ezio Bosso, il grande pianista e direttore d’orchestra (lui si definiva un direttore d’orchestra) che ci ha appena lasciati» dice l’assessore Gianna Baucero.

«Nessuno – soggiunge - è mai rimasto indifferente al suo carisma, al suo talento, alla sua sensibilità, ai suoi messaggi di positività, di coraggio e di speranza che ha sempre voluto trasmettere, a dispetto di una vita certamente non facile e non prodiga di sconti»

 

L’idea di illuminare la Torre dell’Angelo è stata del Sindaco, Andrea Corsaro, e degli assessori Gianna Baucero e Ombretta Olivetti. La realizzazione degli effetti luminosi sarà a cura di Maurizio Dosio. La Torre sarà fotografata e mostrata in diretta on line, in modo da evitare eccessivi assembramenti e nel contempo mostrare la città anche a chi non la conosce o non la vede da molto tempo.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore