/ Sport

Sport | 10 maggio 2020, 10:59

Engas Hockey Vercelli non si ferma: "La A2, ormai una formalità. La squadra è già fatta"

Il vice presidente Alvise Racioppi: "Avremo anche una seconda squadra impegnata in serie B"

Il vice presidente di Engas Hockey Vercelli, Alvise Racioppi (foto di Chiara Jett Tugnolo)

Il vice presidente di Engas Hockey Vercelli, Alvise Racioppi (foto di Chiara Jett Tugnolo)

Grandi novità in casa Engas Hockey Vercelli, ce ne parla il vice presidente della società, Alvise Racioppi. Andiamo per temi:

A2 - “Mercoledì scorso c’è stata una riunione con la FISR, ho parlato con il presidente Sabatino Aracu e il responsabile federale per l’hockey, Marcello Bulgarelli. Anche se non è ancora scritto su carte federali, Aracu ha fatto chiaramente intendere che Hockey Vercelli e Camaiore saranno promosse in A2 per la wild card ottenuta per meriti sportivi. La novità è che, visto che anche altre società potranno fare domanda per salire di categoria, si prevede un campionato con molte compagini iscritte. Si valuta, quindi, l’idea di fare 2 gironi, da 8 o 10 squadre. Questo comporterà l’obbligo, per tutte le società iscritte, di avere una seconda squadra.”

La prima squadra - "Engas Hockey Vercelli è pronta per la A2" ci dice il vice presidente. “Abbiamo quasi terminato la squadra, saremo una compagine giovane, italiana, proiettata verso la A1. Siamo in dirittura d’arrivo con la trattativa per un portiere, un’ala e un attaccante. Al momento non posso dire i nomi, ma si tratta di atleti che hanno giocato sia in A2 che in A1.”

La seconda squadra - Continua Racioppi: “Hockey Vercelli avrà, quindi, due squadre: una in serie A2 e una in serie B. La squadra di serie B è, per noi, un modo di premiare alcuni dei giocatori che ci hanno permesso di ottenere una striscia interrotta di vittorie, conquistando la wild card.”

Ipotesi avvio campionato e allenamenti al Palapregnolato - “Data la situazione non si possono avere certezze, ma presumiamo il via dei campionati per settembre- ottobre. Gli allenamenti di squadra non sono, ovviamente, possibili al momento, ma per il futuro chiederemo a chi gestisce il palazzetto 3 giorni a settimana, visto che dovranno lavorare due squadre. Avremo, poi, anche bisogno di spazio per il nostro settore giovanile al via nel 2021.”

Tesseramento soci e abbonamenti - Hockey Vercelli ha la sua forza nell’azionariato popolare, proprietario e main sponsor (lo scorso anno con 13.000 euro). Spiega Racioppi: “Appena la situazione dovuta alla pandemia lo consentirà, la società convocherà tutti i soci ordinari, vista la scadenza a giugno della quota partecipativa. A loro va tutto il nostro grazie. Prima di giugno, faremo loro giungere in regalo una mascherina personalizzata con il logo di HV. Visto il difficile periodo, ci tengo a far sapere che il rinnovo della quota sarà possibile anche non strettamente alla scadenza, con questi metodi: fisicamente presso la sede del ristorante “Afra” o con un bonifico sull’ IBAN di Hockey Vercelli (IT25Y0503444320000000000595). Non ci sarà una nuova tessera fisica, verrà semplicemente ricaricata dopo il versamento.” Anche gli abbonamenti, ovviamente, sono legati all’evoluzione del quadro pandemico: “Non sappiamo ancora se sarà possibile la presenza del pubblico durante le partite. Se dovesse esserci la possibilità di seguire dal vivo, la precedenza sarà data ai soci ordinari. Per il programma dedicato ai soci sostenitori, invece, stiamo studiando valide alternative entro luglio- agosto.”

L’adesione alla “Tavola del Lupo Bianco” - Chi conosce HV, sa che le numerose iniziative a beneficio del sociale sono il suo marchio distintivo. Un impegno che continua, nonostante il COVID-19, Racioppi: “Negli scorsi mesi abbiamo consegnato cibarie e pizze a vari reparti del nostro ospedale. Dalla prossima settimana aderiremo al progetto di Carlo Olmo la “Tavola del Lupo Bianco”. Attraverso l’impegno di soci, tifosi e camicette gialle (i volontari della società) raccoglieremo cibo e prodotti alimentari a lunga conservazione che destineremo alla famiglie indigenti. Per conoscere il nostro punto di raccolta, invito a contattare la società telefonicamente o via social. Confermiamo, così, la nostra mission d’aiutare Vercelli, non solo attraverso l’emozione dello sport, ma con l'attenzione per gli altri. Quello spirito perfettamente sintetizzato dal terzo tempo al palazzetto con i bambini in pista.”

Elisa Rubertelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore