/ Arte e Cultura

Che tempo fa

Cerca nel web

Arte e Cultura | 07 maggio 2020, 16:11

Il Salone del Libro online per quattro giorni: a inaugurare, la lectio di Alessandro Barbero

Edizione straordinaria dal 14 al 17 maggio, dedicata alle vittime del Coronavirus e al personale sanitario. Tra i tanti ospiti, Samantha Cristoforetti, Alessandro Baricco, Salman Rushdie, Catherine Camus con Roberto Saviano, David Quammen e Linus

Il Salone del Libro online per quattro giorni: a inaugurare, la lectio di Alessandro Barbero

Un'edizione straordinaria, e tutta in digitale, per il trentatreesimo Salone del Libro di TorinoDa giovedì 14 a domenica 17 maggio, sul sito e i canali social ufficiali (Facebook, Instagram, Twitter), sarà possibile seguire direttamente da casa un ricco programma di eventi in live streaming e interagire con gli ospiti nazionali e internazionali che hanno risposto all’appello lanciato dal gruppo di lavoro della kermesse, riunitosi nelle scorse settimane per ideare modalità "alternative" reagendo all'emergenza Coronavirus. 

Altre forme di vita, il titolo scelto per la nuova edizione. Una piccola profezia, se si pensa all'attuale scenario inimmaginabile fino a pochi mesi fa, che richiede nuove capacità di adattamento unite a un solido spirito di sopravvivenza, specie in campo culturale. Ed ecco che dall'esperienza di reclusione che ha unito tutta l'Italia nasce un'originale rassegna interattiva e inclusiva, che anticipa in qualche modo la manifestazione programmata per il prossimo autunno nel capoluogo piemontese. 

Con una dedica speciale: alle vittime del virus e a tutto il personale medico e paramedico tuttora impegnato nel fronteggiarlo. 

Si parte giovedì 14 con una lezione di Alessandro Barbero in collegamento dalla Mole Antonelliana di Torino. 

Tra i tanti ospiti confermati: Amitav Ghosh e i ragazzi di Fridays For Future, David Quammen, André Aciman, Javier Cercas, Annie Ernaux, Salman Rushdie, Donna Haraway, Alessandro Baricco, Samantha Cristoforetti, Jovanotti, Vinicio Capossela, Myss Keta, Zerocalcare, Ocean Vuong, Jared Diamond, Paolo Cognetti con Gabrielle Filteau-Chiba, Catherine Camus con Roberto Saviano e Paolo Flores d’Arcais, Luciano Floridi, Roberto Calasso con Tim Parks, Chen Jiang Hong, Bernard Friot, Huck Scarry, Katherine Rundell, Paolo Rumiz, Mariangela Gualtieri, Paolo Giordano, Francesco Piccolo, Fabrizio Gifuni, Linus e molti altri.

Il programma completo sarà disponibile sul sito salonelibro.it nei prossimi giorni.

Prende così il via un percorso di attività online che accompagnerà la grande comunità del Salone - editori e lettori - fino al prossimo autunno, tra presentazioni editoriali, rubriche di approfondimento culturale, e nuovi format per il racconto digitale del mondo dei libri e della cultura.

Durante le giornate del "Salone EXTRA", gli editori potranno inoltre raccontare le novità editoriali attraverso la condivisione della copertina del loro "Libro della ripartenza".

"Nel dolore la consapevolezza, nell'amore la conoscenza", ha dichiarato il direttore artistico Nicola Lagioia"Qualche giorno fa, in una delle ore più buie, confuse e dolorose per il nostro Paese e per il mondo intero, il gruppo di lavoro del Salone ha fatto un sogno: riunire alcune delle migliori menti del pianeta per ragionare insieme su ciò che sta accadendo. Abbiamo cominciato a contattare prima timidamente, poi con sempre maggiore convinzione gli interlocutori: le risposte sono state entusiastiche. Il nostro, ci siamo resi conto, era un sogno condiviso". 

I libri da sempre sono memoria delle nostre radici e sentinella del nostro futuro. Voce di tutti i mondi possibili", hanno commentato il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l'assessore alla cultura Vittoria Poggio. "Un giorno non molto lontano dei libri racconteranno quello che stiamo vivendo. Ma ce n’è uno, il più importante, che dovrà raccontare e custodire ciò che da questa esperienza abbiamo compreso e imparato. E le pagine di quel libro siamo chiamati, oggi, a scriverle insieme”.

Se l’emergenza sanitaria sta cambiando alcune nostre abitudini, certamente non potrà cancellare i valori fondamentali della nostra comunità, tra i quali la cultura della condivisione e del confronto", hanno aggiunto la sindaca di Torino Chiara Appendino e l'assessora alla cultura Francesca Leon. "Il Salone del Libro è e resterà un patrimonio culturale della nostra città, indipendente dalla modalità e dalla forma in cui esso si svolgerà. Un’entità viva e dinamica nel corso di tutto l’anno e non soltanto nel momento prettamente fieristico”.

dal nostro corrispondente a Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore