/ Cronaca

Cronaca | 30 aprile 2020, 16:33

Punito (per un'intervista) il poliziotto che ha donato lo stipendio agli ospedali

L'indignazione del sindacato Siap per il trattamento ricevuto dal collega Antonino Lollo. "Per tutti noi un esempio di cui andare fieri"

Punito (per un'intervista) il poliziotto che ha donato lo stipendio agli ospedali

Mentre era in isolamento a Clusone, provincia di Bergamo, impossibilitato a svolgere le sessioni di allenamento in qualità di podista, ma anche a operare come poliziotto della stradale (per motivi di salute, visto che, nonostante il tampone negativo, aveva sintomi simili a quelli del Covid19) aveva deciso di donare il proprio stipendio a quattro ospedali: il Sant’Andrea di Vercelli (città in cui lavora), quello di Bergamo e di Sant’Agata di Militiello e di Barcellona Pozzo di Gotto in Sicilia, la sua regione di origine.

Un gesto encomiabile quello di Antonino Lollo, poliziotto della Stradale in servizio a Vercelli. Che, tuttavia, si è visto punire dalla sua dirigente per aver rilasciato un'intervista, nella quale, tra l'altro non parlava di attività di servizio ma del suo ruolo di podista e delle sue condizioni.

A segnalare la vicenda è la segreteria provinciale di Vercelli del Siap, Sindacato italiano appartenenti Polizia.

"Per tutti noi poliziotti - si legge nella nota sindacale - il gesto del nostro collega è stato motivo di orgoglio e ammirazione. Un esempio per tanti ma non per la dirigente regionale del comparto che pretendeva di essere informata dell'intervista, pur non riguardando motivi di servizio".

La nota sindacale prosegue rilevando come, nelle contestazioni presentate, "il comportamento del collega venda ritenuto non conforme al decoro delle funzioni degli appartenenti ai ruoli dell'amministrazione degli appartenenti alla Pubblica sicurezza". Una contestazione che fa saltare sulla sedia i colleghi: "Con il suo comportamento Lollo ha dato lustro all'amministrazione pubblica. Per questo - prosegue la nota - chiediamo con forza che la bizzarra contestazione venga subito archiviata, restituendo credibilità alla nostra amministrazione. Anzi, sarebbe opportuno premiare il collega, che si è distinto per generosità e senso civico, in un momento di particolare difficoltà per l'intero Paese".

 

 

 

Aspetto anche i test sierologici per rientrare in servizio». 

 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore